Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Catturato il latitante Luciano Scibilia: è tra i pedofili più pericolosi al mondo

Immagine di copertina
Luciano Scibilia fermato dalle forze dell'ordine Credits: Screenshot Interpol

Catturato il pedofilo Luciano Scibilia a Santo Domingo

Luciano Scibilia, 74enne latitante, è stato fermato venerdì 16 aprile a Santo Domingo mentre cercava di ritornare in Italia. Era l’unico latitante italiano inserito nella lista Europol dei 19 “predatori sessuali” più ricercati a livello internazionale. L’uomo violentava minorenni fingendosi un pranoterapeuta in grado di curare qualsiasi malattia.

L’uomo, che deve rispondere dell’accusa di violenza sessuale su minori, era stato segnalato anche sul sito eumostwanted.eu, Most Wanted Fugitives, e da ENFAST (European Network of Fugitive Active Search Teams – Rete Europea delle Unità di Ricerche Attive Latitanti).

Le accuse

Scibilia è destinatario di un ordine di esecuzione, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma, per una pena di 5 anni e 2 mesi di reclusione per il reato di violenza sessuale su minori. Secondo le accuse, l’anziano approfittava anche dell’amicizia che alcune giovani avevano con la figlia della partner, abusando sessualmente di loro con la scusa di sottoporle a trattamenti terapeutici. Il latitante si trovava a Samanà, località a 200 km a nord dalla capitale domenicana.

La complicità dei vicini

All’atto del fermo da parte dell’Interpol locale, assistita dall’Esperto per la sicurezza italiano, non sono mancati i momenti di tensione: i vicini di Scibilia, alla vista della polizia, si sono riversato in strada quasi a proteggere l’uomo, ben noto ai residenti poiché da tanti anni conviveva nel quartiere con una donna locale e i suoi quattro figli, tre bambine e un bimbo. Affidato al Dipartimento per l’immigrazione, si è subito proceduto all’espulsione verso l’Italia, considerando lo status di irregolare e l’allarme sociale legato ai suoi precedenti.

Leggi anche: Tutte le notizie di cronaca di TPI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass
Cronaca / Antonio, Giampiero e Nicolas: chi sono i tre ballerini morti in un incidente in Arabia Saudita
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Cronaca / Covid, oggi 2.437 casi e 24 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / Tragedia nel bresciano: 15enne uccisa da un colpo di fucile sparato per sbaglio dal fratello di 13 anni
Cronaca / Trieste: si dimette Puzzer, leader dei portuali che contestano il Green pass. “Lascio ma la protesta continua”