Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Catania, ucciso il frate responsabile della comunità per tossicodipendenti. Fermato uno degli ospiti

Immagine di copertina

A morire è stato Fra' Leonardo Grasso, 78 anni. L'ipotesi degli inquirenti è che il rogo scoppiato nella struttura del catanese sia stato solo una messa in scena per coprire l'omicidio

Il rogo scoppiato questa mattina presso la comunità di recupero per tossicodipendenti “Tenda San Camillo”, a Riposto, nel catanese, è stato solo una messa in scena per coprire l’uccisione di Fra’ Leonardo Grasso, 78 anni, era il superiore della comunità camilliana di Acireale. È la prima ricostruzione degli inquirenti che indagano sulla morte del responsabile della struttura. Per la vicenda è stata fermata una persone, un ospite della comunità, che al momento è sotto interrogatorio. L’incendio, probabilmente di natura dolosa, è divampato intorno alle cinque del mattino. In quel momento nella comunità si trovavano sei ospiti, tutti rimasti illesi. Su quando avvenuto stanno indagando i carabinieri della compagnia di Giarre, insieme agli esperti della scientifica.

“Di questa vicenda non conosciamo ancora bene i contorni, ma ci lascia sgomenti, siamo nel dolore. Esprimo le condoglianze della diocesi di Acireale ai frati e ai padri di San Camillo, perché sono stati esemplari così come lo ha stato fra Leonardo. Nei prossimi giorni cercheremo di capire cosa è successo con l’aiuto degli inquirenti”, ha commentato monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, che stamattina si è recato nel luogo dove si è consumato l’incendio. “Fra Leonardo è stato sempre l’anima di questa opera di questa bella casa, tantissime persone sono passate da qui, alcune sono rimaste dentro per anni. Fra Leonardo si è sempre dedicato con trasporto, con passione a queste persone che attraversano momenti difficile e che a volte sono aggressive”, ha concluso il vescovo.

Leggi anche: 1. “Non si faccia politica sulla morte di Don Roberto: non l’avrebbe voluto”: parlano gli amici del prete assassinato a Como /2. Como, accoltellato a morte don Roberto Malgesini “il prete degli ultimi” /3. “L’eroina, i furti, le escort, le siringhe, i viaggi a Scampia: la mia vita come Gomorra” | VIDEO /4. “Ho provato a non cadere nella droga ma a Tor Bella Monaca trovi l’eroina sotto casa”: la storia di Sara

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Cronaca / Modena, operaia di 41 anni muore incastrata in un macchinario
Cronaca / La trapper Chadia Rodríguez accusata di una rapina con lo spray al peperoncino
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%
Cronaca / Come scaricare il Green Pass se non hai ricevuto l’sms
Cronaca / Pisa, il mistero dello studente morto carbonizzato: si indaga sulle chat di un gioco online
Cronaca / Governo verso il nuovo decreto: green pass obbligatorio per i trasporti e ristoranti, no aziende e scuola
Cronaca / “Lei sarà dispensato dal lavoro”: azienda di Bologna licenzia 90 persone con un messaggio Whatsapp