Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Calabria, Conte sente Gino Strada per la gestione della Sanità

Immagine di copertina

Sembra sempre più concreta l’ipotesi che Gino Strada possa prendere le redini della disastrata Sanità della Calabria, dopo le dimissioni del commissario Cotticelli e le polemiche sul suo successore, Zuccatelli, a seguito del video circolato in rete nel quale il neocommissario affermava che le mascherine non servono a prevenire il contagio.

Secondo quanto confermano fonti di Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha sentito il fondatore di Emergency. Come vi abbiamo raccontato ieri, il nome di Gino Strada circola da diverso tempo, prima sponsorizzato dalle Sardine, e recentemente dal Movimento Cinque Stelle. Ieri infatti il senatore e presidente della commissione parlamentare antimafia Nicola Morra aveva annunciato un dialogo in corso con il fondatore di Emergency “allo scopo di coinvolgerlo nella squadra della sanità calabrese in fase di rinnovamento dopo l’uscita del commissario Saverio Cotticelli e l’arrivo di Giuseppe Zuccatelli. Si sta lavorando con il Governo affinché in Calabria si abbia una squadra che includa qualcuno che ha chiarissimo il quadro, qualcuno che sappia frenare appetiti criminali”.

Secondo le ultime indiscrezioni, l’esecutivo sta lavorando all’ipotesi di affiancare Gino Strada al commissario Zuccatelli, il nuovo commissario scelto dal governo Conte alla guida della Sanità regionale dopo le dimissioni del generale Cotticelli. Zuccatelli, dunque, non verrebbe sostituito, come auspicato da alcuni esponenti M5S, ma affiancato dal fondatore di Emergency. A Strada, in particolare, potrebbe essere affidato il compito di organizzare i reparti Covid e gli ospedali da campo, visto l’aumento dei contagi che anche in Calabria si sta registrando in questa seconda ondata della pandemia.

Un’ipotesi che però non convince tutti. “L’eventuale nomina di Gino Strada come commissario o subcommissario della sanità calabrese per conto del Governo non sarebbe altro che uno specchietto per le allodole per fingere agli occhi dell’opinione pubblica nazionale e calabrese di avere a cuore il problema di questa regione”. A dirlo è l’eurodeputato della Lega Vincenzo Sofo commentando le voci riguardanti la possibile nomina di Strada come responsabile della gestione della sanità calabrese.

“Peccato – aggiunge – che questa terra non abbia bisogno né di deputati mancati in cerca di stipendi da arrotondare come nel caso di Giuseppe Zuccatelli, né di leader di Ong esperte in campi profughi e zone di guerra come il dottor Gino Strada. La Calabria ha invece bisogno di manager seri ed esperti nell’ambito dell’organizzazione e della gestione dei sistemi sanitari da inviare a supporto, e non a sostituzione, delle istituzioni regionali”. Critiche anche da parte del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri: “Tra Zampa e Strada stiamo veramente al disastro totale. Gli interessa più la politica che la salute degli italiani”.

Leggi anche: 1. Calabria, il Governo non usi Gino Strada per nascondere i suoi vergognosi errori / 2. Esclusivo: Cotticelli a TPI: “Davo fastidio alla massoneria. Volevano eliminarmi, non potendo uccidermi mi hanno screditato” / 3. Calabria, il commissario della Sanità Cotticelli si dimette: “Il piano Covid dovevo farlo io? Non lo sapevo” | VIDEO; / 4. Per gestire la Sanità della Calabria ora si fa il nome di Gino Strada / 5. Calabria, il nuovo commissario alla Sanità Zuccatelli: “Le mascherine non servono a un ca**o”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 31,1% degli italiani ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Mappa Ecdc: Italia verde, solo tre regioni arancioni
Cronaca / Parma, lo “sciamano italiano” sgridato perché senza mascherina reagisce e rompe il naso a un passante e insulta la vigilanza del Fidenza Village
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 31,1% degli italiani ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Mappa Ecdc: Italia verde, solo tre regioni arancioni
Cronaca / Parma, lo “sciamano italiano” sgridato perché senza mascherina reagisce e rompe il naso a un passante e insulta la vigilanza del Fidenza Village
Cronaca / Covid, oggi 927 nuovi casi e 10 morti: il bollettino del 24 giugno
Opinioni / La statua della porchetta, celebrazione del rituale tutto romano della magnata
Cronaca / Parla il padre di Nicola Tanturli: “Chiamare i soccorsi 9 ore dopo è stato un errore, pensavamo si fosse addormentato nei dintorni”
Cronaca / Come è cambiato il consumo e lo spaccio di droghe in Europa durante la pandemia
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 giugno 2021
Cronaca / Mugello, accertamenti della procura su precedente “fuga” del fratellino di Nicola
Cronaca / Monsignor Galantino contro Fedez: "O ignora le cose o è in malafede"