Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Scoperta horror a Bologna: in un capannone trovati fusti con feti e resti umani

Immagine di copertina

Scoperta horror a Bologna: in un capannone trovati fusti con feti e resti umani

Una scena da horror. È quella trovata mercoledì scorso da un ragazzo del bolognese, chiamato a sgomberare un magazzino a Granarolo. All’interno di alcuni fusti che il titolare di una ditta di sgombero di locali gli aveva chiesto di smaltire, il macabro ritrovamento: feti e altri resti umani immersi in un liquido. Secondo gli inquirenti, si tratterebbe di formaldeide o un’altra sostanza per la conservazione medica dei corpi. I resti proverrebbero infatti da una struttura universitaria, una biblioteca di anatomia, che probabilmente li conservava per motivi di studio e di ricerca.

Secondo una prima ricostruzione, i contenitori erano stati trasportati nel capannone dopo una ristrutturazione avvenuta alcuni anni fa, fino a quando il titolare del magazzino ha chiesto a un ragazzo che recupera ferro e vecchi materiali nelle aziende della zona di portarli via e “buttarli da qualche parte in campagna”, secondo quanto riporta il Corriere di Bologna. Prima di portare i via i circa 40 barili gialli allineati lungo il muro del deposito, il robivecchi ha voluto controllare cosa contenessero. Dopo la scoperta, ha registrato con il cellulare quello che aveva di fronte, prima di chiamare la polizia.

Una vicenda “tutta da verificare”, l’ha definita Giuseppe Amato, a capo della procura di Bologna, che intanto ha sequestrato i fusti. Attualmente gli inquirenti ipotizzano a carico del titolare del capannone un reato legato all’illecito trattamento di rifiuti speciali. L’uomo potrebbe essere sentito per chiarire se fosse a conoscenza del contenuto dei barili.

“Non c’è nulla di irregolare o da nascondere”, ha detto il proprietario del capannone al Tgr Emilia-Romagna. “Quel materiale si trovava nel magazzino da alcuni anni e mi era stato affidato da un museo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Cronaca / Firenze, disoccupato trova per terra 1000 euro e li restituisce alla polizia
Cronaca / Scopre che lo stage non è retribuito, ragazza lancia i posacenere e scappa
Cronaca / Covid, 44.489 casi e 148 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / “Una notte di sesso in cambio della pace”: il messaggio di Cicciolina a Putin per fermare la guerra in Ucraina
Cronaca / “In Italia in molti ospedali il 100% dei ginecologi non pratica l’aborto”: la denuncia dell’Associazione Coscioni
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO