Bologna, film porno sul maxischermo di Piazza Maggiore: denunciato un giovane

Di Antonio Scali
Pubblicato il 24 Lug. 2020 alle 18:32 Aggiornato il 24 Lug. 2020 alle 22:52
1.1k
Immagine di copertina

Bologna, film porno sul maxischermo di Piazza Maggiore: denunciato un giovane

Un film porno proiettato sul maxischermo di piazza Maggiore, a Bologna, proprio a fianco della basilica di San Petronio. In queste sere d’estate i bolognesi si ritrovano in piazza per “Sotto le stelle del cinema”, un’occasione per assistere ai grandi capolavori senza tempo della settima arte. Proprio sul maxischermo presente per la proiezione del film è apparsa una pellicola di ben altro genere, un porno per l’appunto. Una scelta evidentemente non presa dalla Cineteca.

Ad accorgersi di quanto stava accadendo, alle due di notte, è stata un’anziana signora, la quale, in stato di agitazione, ha fermato una pattuglia dei carabinieri in via IV novembre. A quel punto gli agenti, increduli, hanno dovuto constatare che quanto diceva la donna era vero: sul maxischermo stava andando in onda un film hard. I carabinieri, quindi, hanno subito sospeso la proiezione, sorprendendo il responsabile della bravata: si tratta di un ventiquattrenne italiano che stava trasmettendo il film a luci rosse tramite il suo pc portatile.

Il ragazzo era poi rimasto in piazza a godersi lo spettacolo in compagnia di una decina di amici. Fermato dalle forze dell’ordine, il giovane ha ammesso le sue responsabilità e dovrà rispondere ai sensi dell’Art. 68 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS) e dell’Art. 726 del Codice penale: “Atti contrari alla pubblica decenza”. In pratica rischia una sanzione dai 5 ai 10mila euro.

Come se non bastasse, il 24enne ha aperto una sottoscrizione online, chiamata “Il prezzo della gloria”, per chi volesse aiutarlo a pagare la multa salata: “Chiedo a tutti i simpatizzanti di un gesto del genere un contributo, per salvare una carriera universitaria e per difendere la libertà di espressione”. In poche ore sono state raccolte alcune migliaia di euro.

LE ULTIME NOTIZIE DI CRONACA

1.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.