Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

Bologna: cinque militari picchiano e insultano un cameriere ghanese

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 9 Giu. 2019 alle 13:29 Aggiornato il 9 Giu. 2019 alle 13:31
0
Immagine di copertina

Bologna: cinque militari picchiano e insultano un cameriere ghanese 

Bologna cinque militari picchiano ghanese – “Negro di m…, vieni qua che ti spacco una bottiglia in testa” cinque militari fuori servizio avrebbero insultato così un cameriere ghanese, che li aveva ripresi per il loro atteggiamento molesto, dovuto a qualche bicchiere di troppo.

Lo racconta il Resto del Carlino, che sottolinea anche come i cinque, poi, abbiano malmenato il dipendente della pizzeria, che si trova a viale Pietramellara, a Bologna.

Il fatto sarebbe avvenuto nella notte tra venerdì 7 e sabato 8 giugno, con il ghanese che, dopo aver redarguito i militari, avrebbe ricevuto due pugni, uno allo zigomo e uno al labbro.

Trasportato in ospedale, il cameriere è stato poi dimesso e attualmente sta valutando se sporgere o meno denuncia.

Nella colluttazione, inoltre, uno dei militari avrebbe rotto con un pugno una delle vetrinette del locale, ferendosi con una scheggia di vetro.

I cinque militari, tra i 25 e i 34 anni, sarebbero stati multati dalla polizia per ubriachezza e successivamente si sarebbero scusati con il titolare del locale.

Tuttavia, saranno le telecamere di sorveglianza della pizzeria a chiarire lo svolgersi dei fatti.

L’esercito, dal canto suo, in una nota sottolinea di aver “avviato tutti i necessari approfondimenti affinché vengano chiarite le posizioni di tutto il personale coinvolto”.

“Riguardo i “riferiti insulti razzisti” la Forza armata si dissocia totalmente da tali atteggiamenti condannandone ogni azione ad essi riconducibile”.

“L’Esercito – continua la nota – annovera tra i suoi soldati numerosi italiani di seconda generazione, figli di stranieri presenti in Italia che, quotidianamente operano insieme ai propri colleghi per la sicurezza e la difesa del Paese sia in Italia che all’estero”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.