Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record

Immagine di copertina
Alcuni contatori dell'energia elettrica a Roma. Credit: ANSA / GUIDO MONTANI / PAL

Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record

I rincari senza precedenti nelle bollette di luce e gas potrebbero finire per costare 1.200 euro all’anno alle famiglie, per un totale di 30,8 miliardi di euro. Una stangata che secondo le previsioni di Nomisma Energia rischia di compromettere i conti delle famiglie e la stessa ripresa dalla profonda crisi dovuta alla pandemia.

Per arginare i rincari, dall’anno scorso il governo ha stanziato 10,2 miliardi di euro, di cui 3,8 nell’ultima legge di bilancio e 1,7 nel decreto approvato lo scorso 21 gennaio. Tuttavia gli aiuti finora hanno avuto un effetto molto limitato sul contenimento dei rincari che, secondo l’Arera, sarebbero stati pari al 65 percento per la bolletta elettrica e al 59,2 percento per quella del gas.

Nel primo trimestre del 2022, invece la bolletta elettrica delle famiglie subirà un aumento del 55 percento, mentre quella del gas crescerà del 41,8 percento. I rincari, decisi dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (Arera) nell’aggiornamento trimestrale, sono dovuti all’andamento dei prezzi delle materie prime, in particolare il gas, colpiti da aumenti record negli ultimi mesi. Secondo le stime di Nomisma Energia, i rincari ridurranno i consumi delle famiglie nel 2022 del 2,9% e il Pil dell’1,1%.

Il bonus bollette luce e gas

Per le famiglie in difficoltà, il governo ha previsto nella legge di bilancio ulteriori risorse destinate al bonus bollette luce e gas, che offre uno sconto sul pagamento delle bollette. Il bonus elettrico è pari a 128 euro per le famiglie che hanno fino a due membri; 151 euro per le famiglia che hanno fino a 4 componenti, e 177 euro per le famiglie con quattro o più membri. Quello per il gas invece cambia a seconda delle modalità di utilizzo e della zona climatica in cui si ha residenza.

A poterlo richiedere sono i nuclei familiari con massimo tre componenti e Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 8.265 euro, i nuclei con 4 o più membri e Isee sotto i 20 mila euro; i percettori del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza e i malati gravi che devono utilizzare delle apparecchiature salvavita.

Chi ha presentato la Dsu (Dichiarazione sostitutiva unica) e l’Isee per altri servizi non dovrà fare domanda e riceverà lo sconto automaticamente in bolletta sotto la voce “Dettaglio fiscale”. Chi invece si trova in gravi condizioni di salute, potrà fare richiesta del bonus presso il comune o il Centro di assistenza fiscale (Caf).

La rateizzazione delle bollette

In alternativa è possibile chiedere la rateizzazione delle bollette, pagando la metà dell’importo dovuto con la prima rata e la parte rimanente in rate da almeno 50 euro da pagare in 10 mesi, senza interessi.

Possono farne domanda i clienti domestici in condizioni di morosità per le bollette di luce e gas emesse tra gennaio e aprile 2022, manifestando espressamente la volontà di aderire al piano di rateizzazione.

I venditori, che devono indicare ai clienti il termine ultimo entro cui possono richiedere la rateizzazione, hanno il diritto di negoziare anche un accordo diverso. Il piano dovrà  comunque essere accettato anche da un altro venditore nel caso in cui il cliente decida di cambiare fornitore.

Cambiare fornitore

Gli utenti hanno anche la possibilità di cercare un nuovo fornitore per trovare tariffe migliori. Per chi dovesse decidere di passare al mercato libero dal servizio di maggior tutela, in cui il prezzo è stabilito dall’Arera, non sono previste penali o interruzioni di fornitore: è sufficiente sottoscrivere il nuovo contratto telefonicamente o online. Il passaggio dal servizio di maggior tutela al mercato libero sarà obbligatorio dal 2024.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale