Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata

Immagine di copertina
Credit: Screenshot RaiPlay

È stato arrestato Nour Amdouni, il ragazzo di 20 anni che il 9 agosto scorso ha travolto e ucciso con la sua Smart il piccolo Mahanad Moubarak, di 11 anni. La vittima stava andando in bici in via Bartolini, a Milano. Oltre a guidare senza patente, che non aveva mai conseguito, la Procura ha spiegato che Amdouni era in uno stato di alterazione psico-fisica perché aveva assunto cannabinoidi, come emerso dalle analisi del sangue. Inoltre, aveva la gamba sinistra ingessata. Questo costituiva “un oggettivo impedimento fisico alla guida”.

Dopo aver travolto Mahanad – “senza rallentare”, come spiegato dalla Procura – l’indagato è scappato senza prestare soccorso e si è costituito dopo circa quattro ore. Guidava a una velocità che superava i 90 chilometri orari e il bambino è morto sul colpo. È accusato di omicidio stradale con l’aggravante della fuga. Come si legge sul Corriere della Sera, il giudice per le indagini preliminari ha spiegato che “la misura della custodia cautelare in carcere viene ritenuta proporzionata all’estrema gravità dei fatti oltre che l’unica concretamente idonea e adeguata a soddisfare le relative esigenze cautelari; ogni altra misura cautelare, compresa quella degli arresti domiciliari, risulterebbe infatti inidonea a perseguire tali preminenti ed inderogabili finalità di tutela della collettività e di salvaguardia delle esigenze probatorie”.

Per la procura, Amdouni ha “un’elevata pericolosità sociale e inequivoca incapacità di autocontrollo” e si sarebbe costituito per un calcolo “opportunistico e strategico”. Spiegano, inoltre, che il ragazzo ha dimostrato “un’allarmante freddezza” e “lucidità” nella fuga, senza preoccuparsi delle sorti del bambino.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”
Cronaca / Napoli, professore ucciso: fermato un collaboratore scolastico
Cronaca / Morto sul lavoro operaio vicino Teramo, caduto dal tetto per dieci metri
Cronaca / Roma, ballerina travolta dagli insulti per aver messo la sua foto in un annuncio
Cronaca / Duro scontro durante una partita di calcio, 20enne in gravi condizioni: è intubato
Cronaca / Allarme batterio Listeria, wurstel contaminati ritirati dai supermercati: in Italia 6 morti sospette