Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”

Immagine di copertina

Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”

“Ho avuto un capogiro”. Mariano Cannio, il domestico di 38 anni fermato per l’omicidio del piccolo Samuele, ha confermato di aver lasciato cadere dal balcone il bambino di quasi 4 anni morto venerdì scorso nel centro di Napoli.

L’uomo, il cui fermo è stato convalidato oggi dalla giudice per le indagini preliminari, al momento della caduta si trovava nella casa di via Foria per fare le pulizie. “Sono uscito fuori al balcone, avendo sempre il piccolo in braccio, e appena uscito in prossimità della ringhiera ho avuto un capogiro”, ha detto il 38enne nel corso dell’udienza per la convalida del fermo, durata circa un’ora e mezza. “Mi sono affacciato dal balcone mentre avevo il bambino in braccio perché udivo delle voci provenire da sotto, a questo punto lasciavo cadere il bambino di sotto. L’ho fatto perché in quel momento ho avuto un capogiro”, ha aggiunto, spiegando di non aver dichiarato alla famiglia del bambino che era in cura presso il centro di igiene mentale, né che soffriva di schizofrenia.

Nelle dichiarazioni contenute nell’ordinanza di convalida del fermo, rilasciate nel corso di un interrogatorio avvenuto il giorno stesso della tragedia, il 17 settembre, Cannio aveva dichiarato di essere fuggito dalla casa dopo la caduta del bambino.

Secondo la gip Valentina Gallo, Cannio una persona “di spiccata pericolosità, nonostante l’assenza di precedenti”, aggiungendo che non si prospetta “nessun dubbio” su chi ha commesso l’omicidio anche se il movente dell’omicidio “non può dirsi allo stato pienamente accertato”. La giudice ha inoltre affermato che la ricostruzione complessiva della vicenda indicherebbe come il gesto di sia stato probabilmente volontario, reputando inverosimile l’ipotesi del “malore”. L’indagato invece si sarebbe dimostrato “totalmente cosciente, nei momenti immediatamente precedenti e in quelli successivi al gesto, momenti che l’indagato ha descritto, infatti, con grande precisione”.

 

Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi