Coronavirus, gli asintomatici non possono lavorare: niente smart working per i positivi senza sintomi

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 4 Set. 2020 alle 14:33
362
Immagine di copertina

Covid, vietato lo smart working per gli asintomatici

Vietato lo smart working per gli asintomatici. I soggetti positivi al Covid-19 non possono lavorare anche se sono a casa in isolamento senza febbre o altri sintomi. A chiarire la questione sono i decreti Cura Italia e Rilancio, poi convertiti in leggi, oltre a un messaggio che è stata la stessa Inps a diffondere sui propri canali ufficiali il 24 giugno e al dpcm 7 agosto del 2020.

“Il decreto Agosto ha stabilito che le persone di ritorno da vacanze in zone a rischio debbano stare in isolamento in attesa del tampone. Bene, anche questo isolamento è equiparato alla malattia quindi implica il divieto di lavorare”, spiega l’avvocato Cesare Pozzoli, partner dello studio legale milanese Chiello-Pozzoli, in un’intervista al Corriere della Sera.

Aumento degli asintomatici – Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, nell’ultimo mesi i casi sono stati 21.724 di cui circa il 75 per cento (16.300) hanno riguardato persone in età da lavoro. Di queste oltre il 65 per cento erano asintomatiche, si tratta quindi di oltre 10 mila persone potenzialmente interessate dal problema. Numero destinato a crescere se si passasse da 100 a 300 mila tamponi al giorno, seguendo la proposta del professor Andrea Crisanti.

Leggi anche: TPI Reportage “Siamo in 400, si balla, vieni anche tu”: reportage da Gallipoli, tra party clandestini e giovani negazionisti

362
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.