Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Sono ancora in vita ma portano i fiori sulle proprie tombe: “Nessuno lo farà quando moriremo”

Due coniugi 70enni sono preoccupati che nessuno penserà a loro dopo la morte

Di Marco Nepi
Pubblicato il 24 Set. 2019 alle 10:34 Aggiornato il 24 Set. 2019 alle 10:37
31
Immagine di copertina

Portano i fiori alle proprie tombe prima di morire: sono preoccupati che nessuno lo farà dopo

Simonetta ha 70 anni e suo marito, Franco Pinto, ne ha 73: i due coniugi anziani si sono trasferiti da poco a Valchiusella, un comune piemontese nato qualche anno fa e, pensando a quando non ci saranno più, hanno già iniziato a portare i fiori alle proprie tombe.

Arrivati nel comune del Piemonte da poco, non hanno tanti amici e non conoscono troppe persone, e sono preoccupati che, dopo la loro morte, nessuno si occuperà delle lapidi.

I coniugi, inoltre, non hanno figli, e temono che le proprie tombe resteranno completamente spoglie e senza fiori se nessuno ci pensa adesso.

Per questo hanno preso la decisione di pensare a tutto subito, e di recarsi puntualmente al cimitero muniti di fiori: “prevenire è meglio che curare”.

I due sperano in questo modo di riuscire a convincere qualche abitante del posto a prendersi cura dei loro loculi quando non ci saranno più. Sulle tombe c’è già una loro foto, e incisa sulla lapide compare la data di nascita.

Muoiono mano nella mano a poche ore di distanza: la commovente storia di una coppia di anziani sposati da 60 anni

31
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.