Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Alluvione nel Cuneese, al confine con la Francia: 4 dispersi

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 3 Ott. 2020 alle 08:28 Aggiornato il 3 Ott. 2020 alle 08:33
41
Immagine di copertina
Credit: Vigili del Fuoco (Twitter)

Alluvione al confine tra Italia e Francia: 4 dispersi

Emergenza maltempo al confine tra Italia e Francia. Dal pomeriggio di ieri, 2 ottobre 2020, non si hanno più notizie di un camioncino dell’organizzazione di volontariato, Emmaus Cuneo, con tre addetti a bordo che era diretto a Tenda, in val Roya, appena al di là del Colle di Tenda, per caricare del materiale. I contatti si sono persi a Vievola. Molte persone sono rimaste bloccate tra due frane proprio a Vievola e sotto il tunnel di Tenda, dove non si escludono vittime. Intanto, i vigili del fuoco hanno tratto in salvo cinque persone che erano rimaste intrappolate nella galleria che unisce Italia e Francia. Sono quattro pompieri francesi e un malgaro italiano, che i vigili del fuoco hanno liberato con una ruspa. Il pastore ha riferito di avere visto il fratello, che lavora con lui nell’alta valle Vermenagna, trascinato via dalla piena dei fiumi sul versante francese del collegamento. Sono in corso le ricerche. Nel pomeriggio di ieri era stato il fiume Roya sul versante francese a preoccupare. L’acqua aveva fatto crollare la strada sopra Tenda, tra Tenda e Vievola, nell’abitato di Fontan. E in serata è crollato il ponte romanico con quattro arcate tra Tenda e San Dalmazzo. La quantità d’acqua caduta a Limone in 18 ore è un record storico, si sono sfiorati i 500 millimetri, un livello che non si vedeva dal 1988.

Situazione critica a Cuneo

Situazione critica a Cuneo dove nella serata di ieri sono stati effettuati ben 45 interventi da parte dei Vigili del fuoco, maggiori criticità nei comuni Limone Piemonte, Ormea e Garessio. Chiuso il valico del Col di Tenda a causa di una frana nel versante francese, potenziato il dispositivo di soccorso.

Allerta rossa in Liguria

Piogge intense e temporali forti nella notte sulla Liguria dov’è in vigore l’allerta rossa su tutto il territorio con l’esclusione del settore centrale, che comprende il genovesato in allerta arancione. La linea temporalesca che sta attraversando la regione si è abbattuta con intensità su Ponente e Levante ligure. In particolare a Ventimiglia il fiume Roya è uscito dagli argini all’altezza della passerella Squarciafichi. In centro si segnalano allagamenti e auto sommerse nella frazione di Torri dove a straripare è stato un torrente affluente del Roya. Nell’imperiese a Badalucco criticità e allagamenti si sono registrati per l’esondazione del torrente Argentina. Venti di burrasca hanno toccato coste e rilievi, con raffiche fino 97 chilometri orari a Genova in località Punta Vagno, 125 chilometri orari sul Colle di Cadibona nel savonese e 190 chilometri orari a Fontana Fresca. A Genova ieri sera proprio il vento ha scoperchiato abbattendola la tensostruttura che copriva le piscine del quartiere di Albaro.

41
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.