Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

WhatsApp, la Polizia di Stato avverte: “Usare gli adesivi può essere illegale”

Immagine di copertina

Gli adesivi di Whatsapp possono essere illegali

La Polizia Postale ha diffuso una nota rivolta a genitori e ragazzi che utilizzano in modo improprio gli “adesivi” di Whatsapp, sottolineando come questi possano diventare contenuti illegali.

Gli adesivi sono servizi multimediali che, a differenza delle GIF e delle emoticon, messe a disposizione direttamente dalle app di messaggistica instantanea, è possibile creare da soli e diffondere su Whatsapp senza controlli, in modo virale.

Per questo la Polizia di Stato, in seguito ad alcune attività di monitoraggio, ha deciso di sottolineare come queste immagini possano avere a volte “un contenuto offensivo, violento, discriminatorio, antisemita, nonché pedopornografico”, e che diffonderle potrebbe costituire un vero e proprio reato.

“Questo tipo di servizio sta ricevendo il consenso degli utenti preadolescenti e adolescenti, i quali, tuttavia, spesso ne fanno un uso improprio, diffondendo adesivi digitali dai contenuti illeciti (pedopornografici, xenofobi, discriminatori, etc.), comportamenti , questi, che configurano reati gravi”, si legge nella nota, che si conclude con alcune raccomandazioni rivolte a genitori e utenti:

Sensibilizzare i ragazzi sul tema, vigilare sul materiale condiviso, rivolgersi alle forze dell’ordine per effettuare segnalazioni o ricevere consigli su come comportarsi in presenza di un potenziale illecito.

E, infine, “postare con la testa”.

Leggi anche:

WhatsApp, nuovo aggiornamento: in arrivo nuove emoji e la modalità notte

Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Costume / Buoni motivi per cui preferire auto usate
Costume / Gherardo Guidi: “Durante il lockdown la notte mi sognavo le serate. Ora la Capannina riapre con molta più passione che negli anni prima della Pandemia”
Costume / Joanna Kenny, l’influencer che sfida gli standard di bellezza evidenziando i baffetti con il mascara
Costume / Dall’uomo incinto alla faccina che fa il saluto militare: tutte le nuove emoji 2021-22
Costume / Le conseguenze della dichiarazione di Obama sugli UFO
Costume / Gli Elites realizzano una reaction a Wembley per la finale degli Europei
Costume / Buone idee crescono: ecco WiseMindPlace, la piattaforma che trasforma le idee in progetti