Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

​Matteo Renzi e il principe saudita bin Salman si stringono la mano: il murale apparso a Roma

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 4 Feb. 2021 alle 12:30
342
Immagine di copertina
Il murale di Harry Greb Credits: ANSA

Il leader di Italia Viva ed ex premier Matteo Renzi e il principe saudita Mohammed bin Salman si stringono la mano sorridendo: è il nuovo, provocatorio, murale apparso nel centro di Roma, ad opera dell’artista Harry Greb.

Il riferimento è alla recente conferenza che Renzi ha tenuto a Riyad nel mezzo della crisi di governo e al trattamento riservato all’Arabia Saudita, definita dal senatore “centro di un futuro nuovo Rinascimento”.

Cosa è successo in Arabia Saudita

Alcuni giorni fa, Matteo Renzi è volato in Arabia Saudita, dove ha partecipato al panel “Il Futuro di Riad”, della Future Investement Initiative (FII) un vertice internazionale organizzato a partire dal 2017 proprio dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman per attrarre investimenti stranieri nel Golfo.

In quell’occasione, Renzi ha lodato il Paese in un discorso, trasmesso sulla tv di Stato saudita: “È un grande piacere e un grande onore essere qui con il grande principe Mohammed bin Salman”, ha detto, per poi lanciarsi in un paragone tra l’Italia del Rinascimento e l’Arabia Saudita di oggi, che secondo il leader di Italia Viva potrebbe “essere il centro per un nuovo Rinascimento”.

Una dichiarazione imbarazzante perché accostata a un Paese che, oltre al caso Khashoggi è responsabile di una serie di violazioni dei diritti umani, come quelle elencate in questo articolo pubblicato su Il manifesto dal portavoce di Amnesty International Italia Riccardo Noury.

Leggi anche: 1. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino) /2. Quel rapporto con il principe d’Arabia Saudita: la crociata di Renzi sui servizi ora diventa sospetta (di Luca Telese) / 3. Se Renzi vivesse in Arabia Saudita (di Selvaggia Lucarelli)

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

4. Decapitazioni in piazza, attivisti frustati, civili bombardati: ecco l’Arabia Saudita di Renzi “culla del Rinascimento” /5. Caso Khashoggi: dalla sparizione alla conferma dell’omicidio dell’Arabia Saudita /6. Omicidio Khashoggi: cinque persone sono state condannate a morte in Arabia Saudita

342
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.