Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

Padova, il primo ospedale delle piante e dei fiori. Il “primario”: “Così aiuto chi non ha il pollice verde”

Immagine di copertina
L'ospedale delle piante e dei fiori di Gianni Boetto

Gianni è un signore di Padova, amante della natura e dei fiori, che ha istituito il primo Ospedale delle piante e dei fiori dove offre aiuto gratuito a tutte le piante, grasse, fiorite o rampicanti. Barista di giorno, dottore di piante di sera, l’Ospedale di Gianni è diventato un vero e proprio caso sui social.

“Sono Gianni Boetto, storico barista padovano di via dei Tadi, amo la natura e le piante. Fornisco un aiuto gratuito alle vostre piante“. Così si presenta Gianni, primario e unico dipendente del primo Ospedale di piante e fiori d’Italia, dove offre cure e terapie gratuite alle piante di coloro che non hanno il dono del pollice verde. “Hai una piantina in difficoltà? passa da Gianni, proverà a salvarla con piacere e senza una lira”, continua l’annuncio sulla sua pagina Facebook.

L’idea dell’Ospedale delle piante e dei fiori è nata circa tre anni fa, racconta Gianni in un intervista a Landhead. “C’è tanta gente che ama avere delle piante in casa. Le persone ne sentono proprio il bisogno, fanno stare bene. Solo che non è detto che sappiano farle stare bene a loro volta”. E così entra in scena lui, Gianni, il superman delle piante, che si prende cura dei fiori di tutti riuscendo a salvare anche le situazioni più disperate. Cambia la terra, concima, annaffia e, alla fine, dà una nuova vita alle sue piccole”pazienti“, come un dottore che riporta in salute i suoi malati. Una volta guarite, le piante tornano ai loro legittimi proprietari.

Ma l’inventiva di Gianni Boetto non si ferma qui. Oltre ad essere ormai il più rinomato dottore di piante di tutto il Paese, e forse anche l’unico, il barista padovano ha deciso di piantare una vigna e alberi da frutto sul ponte Tadi, a due passi dal suo bar, in centro a Padova, e ha costruito un’aiuola in cui si possono piantare le proprie piantine, che lui personalmente sorveglia. Tutto per abbellire la città e perché “crescere le piante fa crescere anche le persone” ricorda il primario delle Ospedale delle piante e dei fiori.

Leggi anche: 1. Maria, la pensionata che con le sue piante fa rifiorire Bari e ci insegna a voler bene alle nostre città/2. C’è una app che riconosce piante e animali come Shazam con la musica

Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Costume / Grande Fratello, Fedro contro Luca Argentero: “Eravamo fratelli, si è rivelato un opportunista”
Costume / Belen Rodriguez torna a parlare di autoerotismo in tv: “Scegli cosa pensare e non devi fingere orgasmi”
Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Costume / Grande Fratello, Fedro contro Luca Argentero: “Eravamo fratelli, si è rivelato un opportunista”
Costume / Belen Rodriguez torna a parlare di autoerotismo in tv: “Scegli cosa pensare e non devi fingere orgasmi”
Costume / Anna Falchi: “Evviva il catcalling, a me fa piacere e non offende. Lasciamo che i maschi siano rozzi”
Costume / #SenzaGiridiBoa: la campagna social delle donne per dire No al modello Elisabetta Franchi
Costume / Buona Festa della Mamma 2022: le immagini per gli auguri
Costume / Buona Festa della Mamma 2022: le frasi per gli auguri da inviare su WhatsApp e Facebook
Costume / “Ogni tanto faccio autoerotismo, ognuno ha il suo metodo per rilassarsi”: la confessione piccante di Belen Rodriguez
Costume / Dalle grande dimissioni alla fuga dallo streaming: cosa sta succedendo a Netflix e perché non vogliamo più acquistare abbonamenti
Costume / Lo sfogo di Chiara Ferragni: “Ero in una relazione che non funzionava, mi sentivo così sola e in gabbia”