Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

L’Italia dice “no” all’abolizione dell’ora legale: le 3 ragioni

Immagine di copertina

Abolizione ora legale, l’Italia dice no: i 3 motivi

L’Unione europea ha chiesto ai Paesi membri di decidere se abolire o mantenere il cambio ora solare/ora legale a partire da marzo 2021. L’Italia si è detta contraria e ha deciso di mantenere intatta la situazione attuale.

A giugno il governo M5s – Lega ha depositato a Bruxelles una richiesta formale per mantenere l’alternanza di fuso orario. Le motivazioni che hanno spinto il nostro Paese a dire no all’abolizione dell’ora legale sono essenzialmente tre.

Come riporta il Corriere della Sera, la prima ragione riguarda “la mancanza di una valutazione d’impatto dalla quale si possa evincere, in modo esaustivo, il quadro dei vantaggi e degli svantaggi”.

Vale a dire, non sono state presentate prove scientifiche in grado di dimostrare che i due cambiamenti di fuso orario possano danneggiare l’equilibrio psico fisico.

Il secondo motivo è di ordine economico. “Grazie all’ora legale, che per sei mesi l’anno ci consente di accendere le luci un’ora dopo, l’Italia e gli italiani risparmiano un bel gruzzoletto. Al documento depositato a Bruxelles il governo ne ha allegato un altro, preparato da Terna, il gestore dei tralicci dell’alta tensione, che quantifica questo risparmio in 100 milioni di euro l’anno”, scrive il Corriere.

E infine, il terzo dubbio riguarda l’eventualità che le “singole scelte degli Stati membri possano creare un mosaico di fusi orari, con il rischio di non garantire il corretto funzionamento del mercato interno. Si vorrebbe fare ordine, ma c’è il rischio di aumentare il caos. Per questo l’invito dell’Unione europea potrebbe non rispettare i “principi di proporzionalità e sussidiarietà”.

A che ora cambia l’ora solare: tutte le informazioni su quando spostare le lancette
Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Costume / Preventivo ristrutturazione: tutto quello che c’è da sapere
Costume / Dal RNG alla Roulette Online: gli algoritmi che controllano il gioco
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Costume / inTherapy: i percorsi di psicoterapia garantiti da Studi Cognitivi
Costume / Costa Crociere: un’esperienza turistica incentrata sulla sostenibilità e la gastronomia
Costume / Vestiti lunghi per capodanno: 5 idee a cui ispirarsi
Costume / #DONAREVALEQUANTOFARE – Il nuovo spot Cei sul sostegno alla missione dei preti