Coronavirus:
positivi 39.893
deceduti 33.530
guariti 160.092

Naomi Campbell racconta della sua tossicodipendenza

La top model si confessa al Wall Street Journal

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 10 Ott. 2019 alle 16:07 Aggiornato il 10 Ott. 2019 alle 17:48
28
Immagine di copertina
Naomi Campbell. Credit: Wall Street Journal

Naomi Campbell parla della sua tossicodipendenza

Alla soglia dei 50 anni, Naomi Campbell resta una delle donne più belle e affascinanti del pianeta, ma dietro il suo sorriso si nascondono delle ombre, come quella della tossicodipendenza.

La top model ne parla in un’intervista rilasciata al Wall Street Journal, in cui si racconta in modo intimo e potente. 49 anni compiuti il 22 maggio e una vita intensissima.

Nel corso dell’intervista, la Venere Nera ha affrontato il tema delicatissimo della tossicodipendenza. Al momento Naomi Campbell sta affrontando un percorso per uscire dal tunnel della tossicodipendenza e dell’alcol: “Ringrazio Dio di essere una tossicodipendente e un’alcolista in via di guarigione, una sopravvissuta. Non ho una vita immacolata e non pretendo di averla”.

Non c’è nessun uomo oggi nella vita della supermodella, questo pare non essere affatto un problema per lei. “‘Essere single non significa essere soli. Io non ho tempo di annoiarmi e non ho tempo di sentirmi solo’, mi disse un giorno De Niro e ora capisco cosa intendeva”, ha risposto al top model al Wall Street Journal lasciando intuire come non avere un uomo accanto non è motivo di dispiacere, per lei.

“La mia vita è così piena non per compensare un vuoto, ma perché è così che mi piace vivere da sempre: piena di impegni, circondata da persone stimolanti. Io non mi sento mai sola”, ha continuato la supermodella.

Naomi Campbell ha precisato anzi di “amare molto” il suo stato di single. Nel corso dell’intervista si è toccato anche il nodo della maternità. Nonostante abbia avuto diverse relazioni importanti, la modella non ha mai avuto figli e, a chi le chiede se sia pronta ad avere dei bambini, risponde ferma: “Non ancora, vedrò cosa mi porterà l’universo. Per ora, ciò che l’universo mi ha donato è più il senso di una ‘famiglia di prescelti’, ossia non creata da me, ma creatasi da sola, per attrazione, tra individui spiritualmente affini”.

Non è mai stata mamma ma si è sentita tale in diverse occasioni: Naomi Campbell ha rivelato di considerarsi “una figura materna per i bambini che incontra attraverso i progetti di di filantropia in cui sono coinvolta in prima persona”.

Naomi Campbell denuncia: “Allontanata da un hotel perché nera”

28
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.