Massimo Boldi: “Le sardine? Fossi ragazzo non andrei a manifestare. Berlusconi? Un uomo irripetibile”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 18 Dic. 2019 alle 09:28 Aggiornato il 18 Dic. 2019 alle 09:32
2k
Immagine di copertina

Massimo Boldi: “Le sardine? Fossi ragazzo non andrei a manifestare”. “Berlusconi? Un uomo irripetibile”

“Io so che le mie figlie sono laureate e non trovano lavoro. Figurati uno che va in piazza. Io, fossi un ragazzo, non andrei a manifestare”. È una critica al movimento della sardine quella di Massimo Boldi che, intervistato da Libero, ha esposto alcune sue idee e si è raccontato al quotidiano diretto da Vittorio Feltri.

Cipollino, questo l’affettuoso soprannome con cui i fan chiamano da sempre l’attore, ha innanzitutto tessuto le lodi di Silvio Berlusconi, definendo il Cavaliere un “uomo irripetibile”. “Nei suoi confronti provo un affetto e un’amicizia enormi, un astro come Berlusconi capita raramente, forse una volta sola”. Il leader azzurro di Forza Italia, secondo l’attore comico, sarebbe dunque insostituibile, o almeno ha forti dubbi sul fatto che il suo successore possa essere il leader della Lega Matteo Salvini.

A Boldi è poi stato chiesto cosa ne pensa di Greta Thunberg, l’attivista svedese che si batte per la difesa dell’ambiente e contro il cambiamento climatico. “Greta chi?”, ha risposto l’attore. “Se mi dici Gre… penso solo a Greggio, Ezio Greggio”, ha poi aggiunto Boldi, non manifestando dunque una grande simpatia per la 16enne.

Boldi si è inoltre schierato in difesa di Checco Zalone dopo la polemica sulla canzone Immigrato del suo ultimo film e le accuse di razzismo. “Razzismo? Ma stiamo scherzando, assolutamente no. Penso che quel video sia stato un ottimo veicolo di promozione pubblicitaria. Anche da questo punto di vista Zalone è geniale. Giù le mani da Checco, è un fenomeno. Vuole solo far ridere e ci riesce”.

Infine Massimo Boldi ha parlato della sua vita professionale e privata, annunciando che sta per tornare al cinema con un film realizzato insieme allo storico partner Christian De Sica. “Ci stiamo lavorando dall’anno scorso e avrebbe dovuto essere pronto già per il 2019. E invece lo abbiamo rimandato al 2020. Ma uscirà eh, tranquilli. In realtà abbiamo delle perplessità a fare un seguito di ‘Amici come prima’. Quel film ha funzionato perché io e Christian ci siamo ritrovati dopo 13 anni in un film a raccontare una storia del tutto nuova. E tra l’altro era molto ben scritto da Brizzi e Bardani. Ora però, dopo aver interpretato insieme così tanti soggetti, diventa difficile trovare uno spunto originale. E quindi una novità potrebbe essere tornare al grande classico. Il progetto è quello di riproporre Vacanze di Natale, sarebbe l’ideale. Ma abbiamo tempo, vogliamo pensarci bene, anche per capire che aria tira negli altri film italiani”. E per quanto riguarda la sua relazione con Irene Fornaciari, 34 anni più giovane di lui? “Stiamo molto bene insieme”, ha confermato l’attore.

Vittorio Feltri (di nuovo) contro Greta Thunberg: “Fosse mia figlia la prenderei a schiaffi”

2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.