Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Nazionale, la maglia dell’Italia è verde: ma non c’entra Greta Thunberg

Immagine di copertina
Il completino verde realizzato da Puma per la Nazionale italiana

Il nuovo completino è stato presentato da Puma, lo sponsor tecnico della Nazionale

Italia in maglia verde per Puma: ma non c’entra Greta Thunberg

La Nazionale italiana allenata da Roberto Mancini scenderà in campo per la prima volta dopo anni – anzi, decenni – con una maglia verde. Un colpo d’occhio eccezionale per il pubblico della partita che si giocherà il 12 ottobre, sabato, contro la Grecia allo Stadio Olimpico di Roma. Ma perché l’Italia è in maglia verde? Se lo sono chiesti in molti e, finora, con molte illazioni. Si tratta di un omaggio che lo sponsor Puma ha fatto al Rinascimento italiano, per celebrare il rinnovamento che sta avvenendo nella squadra italiana. Niente ha a che fare, quindi, con il clima, Greta Thunberg e il Friday for future, nonostante quello che hanno scritto Il Giornale e Libero.

“Gli azzurri in maglia verde. Se la Nazionale omaggia Greta”, “Moda ecologista in nazionale. Gli azzurri diventano verdi”, sono invece i titoli che hanno pubblicato i due quotidiani di destra. Insinuando, erroneamente, che la maglia verde dell’Italia abbia un significato legato all’attivismo per l’ambiente.

Italia maglia verde libero

italia maglia verde il giornale

Il kit verde per la Nazionale creato da Puma si ispira al periodo rinascimentale e celebra i tanti giovani talenti che stanno diventando sempre più protagonisti dei successi degli Azzurri. Il nuovo completino segna una nuova era per la Nazionale nel momento in cui un gruppo di giovani calciatori sta conquistando un ruolo importante nella rosa Azzurra. Ben dodici calciatori tra quelli in raduno a Coverciano, infatti, hanno 25 anni o meno.

Con motivi ispirati ai tessuti e all’architettura del Rinascimento, il colore verde scelto da Puma risale alla “Maglia Verde” indossata per un’unica volta dall’Italia durante la vittoria per 2-0 contro l’Argentina nel dicembre 1954 allo Stadio Olimpico di Roma.

Dopo quell’occasione, le Nazionali giovanili hanno adottato il verde come Home kit. L’azzurro, infatti, è rimasto per anni un’esclusiva della Nazionale maggiore, un obiettivo da raggiungere per i giovani in maglia verde.

“Il verde – dichiara il presidente federale Gabriele Gravina – simboleggia il grande lavoro che stiamo facendo con i giovani e la Nazionale di Mancini ne è un esempio straordinario. Vogliamo celebrare il rinascimento del calcio italiano, in campo e fuori, con un simbolo che non sostituisce l’azzurro, ma lo rende ancora più luminoso”.

Ti potrebbe interessare
Costume / Polemica sulla reunion di Friends: “Dopo 17 anni nessun amico nero?”
Costume / “Fedez mi ha censurato”: il prete youtuber accusa il rapper. Il botta e risposta social | VIDEO
Costume / Friends, il ritorno è ufficiale: ecco il teaser e la data della reunion
Ti potrebbe interessare
Costume / Polemica sulla reunion di Friends: “Dopo 17 anni nessun amico nero?”
Costume / “Fedez mi ha censurato”: il prete youtuber accusa il rapper. Il botta e risposta social | VIDEO
Costume / Friends, il ritorno è ufficiale: ecco il teaser e la data della reunion
Costume / La Treccani elimina “cagna” e “zoccola” dai sinonimi di donna: il vero dramma è che finora li erano
Costume / Chiara Ferragni e Fedez comprano la prima casa insieme: “È ancora in costruzione”
Costume / Perchè scegliere il noleggio auto a lungo termine
Costume / Chi è Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin
Costume / Damiano dei Maneskin pubblica una foto con la fidanzata Giorgia Soleri: “Dopo 4 anni si può dire?”
Costume / Festa della mamma 2021: le frasi per i vostri auguri su WhatsApp
Costume / Gonne e tacchi non sono solo per donne: l’eterosessuale Mark Bryan ne è la prova