Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

L’hotel più economico al mondo: 80 centisimi a notte (se ti fai filmare)

Se vi state chiedendo qual è l'inganno ecco a voi la risposta: una telecamera sempre accesa 24 ore su 24 collegata in diretta su YouTube

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 22 Nov. 2019 alle 20:17
78
Immagine di copertina
One Dollar Hotel

L’hotel più economico al mondo: 80 centesimi a notte collegato in diretta su YouTube

È in Giappone l’hotel più economico al mondo: si chiama Asahi e il costo di una notte è di appena 100 yen, che corrisponde a circa 80 centesimi di euro. Un prezzo bassissimo. Se vi state chiedendo qual è l’inganno ecco a voi la risposta: una telecamera sempre accesa 24 ore su 24 collegata in diretta su YouTube.

Secondo quanto riporta Indipendent, il proprietario dell’hotel Asahi, il 27enne Tetsuya Inoue, ha avuto l’idea di offrire ai suoi clienti un prezzo super economico se disposti a farsi filmare dopo aver ospitato nell’albergo uno youtuber britannico, che riprese ogni momento che ha trascorso all’interno della struttura condividendolo sulla piattaforma video.

A quel punto Tetsuya Inoue ha avuto l’intuizione di creare il canale YouTube “One Dollar Hotel”, in cui gli utenti possono spiare quello che succede nelle camere dell’hotel e lui proprietario monetizzare sulle visualizzazioni.

Ci sono due regole stabilite dall’albergatore che prevedono limitazioni all’invasione della privacy. Una riguarda la trasmissione delle immagini, solo video senza audio. E la seconda prevede invece che la webcam sia esclusa dal bagno.

Il canale dell’hotel One Dollar su YouTube è già arrivato a più di mille iscritti, contando in alcuni momenti anche 4mila utenti all’ora.

Situato nella città di Fukuoka, l’hotel più economico al mondo rispetta la tipica struttura di un ryokan, locanda tradizionale giapponese il cui stile è rimasto pressoché immutato nel tempocon le  porte scorrevoli, i pavimenti di tatami e i materassi sottili a terra.

Leggi anche: Hotel da incubo: clienti condividono foto orripilanti degli alberghi in cui hanno dormito

78
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.