Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Column è il social riservato solo ai ricchi: per entrare servono 100mila dollari. Tra gli iscritti Leonardo DiCaprio e Elon Musk

Immagine di copertina
Leonardo DiCaprio sarebbe già iscritto a Column

Column, il social per ricchi e premi Nobel

Esiste un social network riservato esclusivamente a ricchi e premi Nobel: si chiama Column. Per scambiarsi messaggi nelle chat e per poter postare contenuti in questa riservatissima piattaforma è necessario pagare una quota d’iscrizione pari a 100mila dollari.

L’obiettivo del social per ricchi è quello di “rendere tutti più intelligenti” grazie ai post condivisi da questi utenti facoltosi. Nel documento consegnato alla rivista MIT Technology Review, si legge che avrebbero già aderito l’attore Leonardo DiCaprio, Laurene Powell Jobs, imprenditrice erede di Steve Jobs, e Elon Musk.

Sul progetto non si sa ancora molto, le prime informazioni che circolano sul social di ricchi e premi Nobel riguardano gli utenti iscritti e accettati, i quali potranno pubblicare post scritti o multimediali sulla propria “colonna”. Anche le aziende avranno uno spazio dedicato.

Ciascun profilo può richiedere di essere seguito da altri utenti. Ma solo dietro a un’ingente iscrizione a pagamento: 100mila dollari. Dalla rivista Mit Technology Review, si apprende anche che la campagna acquisti conta circa 500 imprenditori, uomini, donne importanti e inoltre il social vorrebbe assegnare 50 mila dollari a ciascun vincitore del premio Nobel per invogliarlo ad iscriversi.

Anche le persone comuni possono entrare a fare parte della community ma solo come spettatori. Il limite è che potranno solo leggere e vedere i post dei vip ma non potranno commentarli. Cosa che possono fare solo gli iscritti.

Al posto del classico tasto “like” ci sarà il tasto “truth” verità. Il social è stato ideato dal CEO Aron Ping D’Souza. 

Leggi anche: 

Arriva il Tinder della cultura, l’app di incontri per visitare musei

Ti potrebbe interessare
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Ti potrebbe interessare
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Costume / A cos* serv* l* schwa: è davvero necessario un nuovo segno scritto per includere tutti?
Costume / Casinò online: le differenze normative negli Stati Europei
Costume / Wally Funk nello spazio a 82 anni
Costume / Il ReWriters fest. a Roma: al via la prima edizione di una manifestazione unica in Italia