Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Il vero Babbo Natale: l’uomo che costruisce giocattoli in legno per i bambini poveri ogni Natale da 50 anni

"Adoro quando le persone mi chiedono quanto vengo pagato per realizzare questi giocattoli. Dico loro che la mia paga è quando vedo il sorriso sui volti dei bambini ", ha raccontato l'80enne Jim Annis

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 16 Dic. 2019 alle 18:39 Aggiornato il 16 Dic. 2019 alle 18:40
187
Immagine di copertina
Jim Annis, un veterano dell'esercito di 80 anni, ogni Natale da 50 anni realizza giocattoli in legno per i bambini poveri

Quest’uomo costruisce giocattoli in legno per i bambini poveri ogni Natale da 50 anni

I bambini di quasi tutto il mondo sono già in trepidante attesa della mezzanotte della Vigilia, momento in cui arriva Babbo Natale che porta loro i regali. Ma ci sono anche tanti bambini meno fortunati che molto probabilmente non troveranno nulla sotto l’albero. Sono infatti molte le famiglie indigenti che non possono permettersi di acquistare giocattoli, videogames o altri regali ai propri figli. Fortunatamente, però, ci sono anche tante persone disposte ad aiutare queste famiglie bisognose, soprattutto nel giorno di Natale.

Una di queste è Jim Annis, un veterano dell’esercito di 80 anni. Quest’uomo, ribattezzato “Babbo Natale”, da 50 anni crea giocattoli per bambini di famiglie in difficoltà.

“Quando a Natale l’Esercito della Salvezza distribuisce cibo e vestiti alle persone di questa zona, io distribuisco i miei giocattoli ai bambini più poveri”, ha spiegato Annis.

Ogni anno realizza giocattoli fatti a mano in legno e ne dona circa 300 all’Esercito della Salvezza di Sanford.

Jim Annis sa bene cosa può provare un bambino nel non ricevere regali a Natale. “Mio padre ha lavorato, ma non ha fatto molti soldi. Eravamo cinque bambini in casa, il nostro Natale era molto umile”, ha raccontato.

Tra i giocattoli in legno che costruisce Jim Annis ci sono camion dei pompieri, bambole e persino salvadanai.

“Adoro quando le persone mi chiedono quanto vengo pagato per realizzare questi giocattoli. Dico loro che la mia paga è quando vedo il sorriso sui volti dei bambini “, ha detto Annis. “Spero di essere in grado di farlo fino a quando le mie dita dei piedi non si arricceranno”.

Leggi anche:

Il dentista che riporta il sorriso ai più poveri: le cure sono gratis

Il sogno di Giulia, morta a 10 anni: “A Natale regalate i miei giochi ai bambini poveri”

Vince correndo con le scarpe “Nike” fatte a mano: la foto dell’atleta di 11 anni delle Filippine

187
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.