Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Alessandra Mussolini: “Sono una ragazza di sinistra”

Immagine di copertina
Credit: Instagram/Alessandra Mussolini

Prima il sostegno al Ddl Zan e alle battaglie della comunità LGBT, ora l’ammissione: “Sono una ragazza di sinistra”. Dopo aver lasciato la politica attiva nel 2019, Alessandra Mussolini ha decisamente cambiato vita. E soprattutto idee. Un personaggio pubblico molto diverso da quello che ci saremmo immaginati solo fino a qualche anno fa, che sveste i panni della passionaria dura e pura per mettere in mostra un’anima pop e, a suo dire, di sinistra. Prima la partecipazione a Ballando con le stelle, poi il 16 aprile scorso l’aperto sostegno alla legge contro l’omotransfobia, quando ha pubblicato su Instagram la foto con la scritta “Ddl Zan” sul palmo della mano.

“Quella proposta da Zan – ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Vanity Fair – è una legge doverosa perché è un semplice prendere atto di qualcosa che esiste già nella società. Per me la sessualità è un fatto personale, e anche temporaneo. Nella vita cambiamo tutti: in base alle esperienze, alle cose che ci accadono”. Posizioni che non sono piaciute ai suoi fan ed ex elettori di destra: “E che si scatenassero. Essere liberi di esprimersi vuol dire non pensare alla reazione degli altri. Prima mi preoccupavo di non deludere il mio elettorato, adesso: ciaone. Dopo una certa età è bello essere imprudenti”.

Insomma, una ragazza di sinistra, ammette la nipote del Duce: “Sono una diversamente ragazza che ha fatto battaglie nelle quali ha creduto, al di là dei colori”. “Io certe cose le ho sempre pensate, ma siccome ero pur sempre in un ambito politico, non potevo dare loro spazio. Sono stata cacciata dalla Commissione affari sociali sulla procreazione medicalmente assistita perché ero per la diagnosi pre-impianto, che gli altri osteggiavano. Chiedevo: “Ma se gli embrioni poi non vanno bene?”. Mi rispondevano: “C’è sempre l’interruzione di gravidanza”. Come se il corpo della donna non contasse nulla, come se l’aborto non fosse un trauma”, spiega Mussolini a Vanity Fair. Dopo 27 anni è ormai fuori dalla politica: “L’ho fatta perché mi piaceva. Però ho capito presto di non essere libera. Se vuoi portare avanti le tue convinzioni, sei emarginata. Io spesso sono stata sola. Ne prendo atto senza nessun vittimismo. Io e la politica ci siamo lasciate di comune accordo e con serenità”.

Ti potrebbe interessare
Costume / Come funziona il noleggio auto a lungo termine
Costume / Iris Apfel, i 100 anni della “starlet geriatrica” che ha rivoluzionato lo stile e la moda
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Ti potrebbe interessare
Costume / Come funziona il noleggio auto a lungo termine
Costume / Iris Apfel, i 100 anni della “starlet geriatrica” che ha rivoluzionato lo stile e la moda
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Costume / Sui social sembriamo una grande comunità e invece è solo solitudine di massa
Costume / “Donne lampadario” alla festa di compleanno di Diletta Leotta: scoppia la polemica
Costume / Buon Ferragosto 2021: le frasi e le immagini più belle di auguri da condividere
Costume / San Lorenzo 2021: quando, dove e come vedere le stelle cadenti
Costume / San Lorenzo 2021, la notte delle stelle cadenti: le frasi più belle da dedicare
Costume / Il nuovo settimanale di The Post Internazionale
Costume / Record da McDonald’s, il maxi conto da più di 2mila euro