L’orsa del Trentino per ora è salva, accolto dal Tar il ricorso degli animalisti

Di Antonio Scali
Pubblicato il 10 Lug. 2020 alle 18:19
1.5k
Immagine di copertina

L’orsa del Trentino per ora è salva, accolto dal Tar il ricorso degli animalisti

Dopo settimane di battaglie per salvare l’orsa del Trentino dall’abbattimento, gli animalisti possono esultare per una prima ma importante conquista. Il Tar di Trento infatti ha accolto, parzialmente, il ricorso presentato dalle associazioni (Lav, Wwf, Lac, Lipu e Lndc) contro l’ordinanza di abbattimento dell’orsa JJ4, firmata dal presidente della Provincia autonoma, Maurizio Fugatti.

Il tutto, lo ricordiamo, era partito dopo che l’animale aveva aggredito due persone, padre e figlio, sul monte Peller, in Trentino. Sospesa, quindi, fino al 30 luglio l’ordinanza firmata da Fugatti. Ma non finisce qui: il Ministero dell’Ambiente, infatti, sta lavorando per ottenere l’annullamento del provvedimento. Il Tar, con la decisione di oggi, ritiene che prima dell’abbattimento – comunque previsto dal protocollo Pacobace in caso di pericolosità – la Provincia di Trento debba tentare misure come la cattura e la reclusione dell’animale, oltre che procedere ad applicare all’orsa il radiocollare.

Possono festeggiare le associazioni animaliste: “JJ4-Gaia, almeno per ora, è salva, ma ci saranno presto altre udienze – ha fatto sapere la Lega anti vivisezione attraverso i suoi canali social – faremo tutto il possibile insieme ai nostri avvocati perché lo possa essere per sempre”. “Un grandissimo risultato – commentano le associazioni ambientaliste in una nota congiunta – che ora obbliga il Presidente Fugatti a disattivare le gabbie di cattura e richiudere i fucili del Corpo Forestale nei loro armadi: nessuno potrà torcere un pelo all’orsa”.

Fugatti ha commentato così la sospensione dell’ordinanza da lui firmata: “Il ministro ci dica dove dobbiamo portare gli orsi pericolosi. Ci assumiamo anche le spese del trasporto ma il ministro ci dica dove portarlo. Noi lavoriamo per la cattura. Il tema è che i casi di pericolosità sono sempre maggiori, quindi mi aspetto che il ministero che indichi dove portare i soggetti pericolosi. I numeri che abbiamo sono superiori rispetto a quelli che possiamo gestire. È un bene che il ministro intervenga ma noi non vogliamo attendere il prossimo trentino aggredito da un orso”.

La decisione del Tar è arrivata dopo che il presidente della Provincia autonoma di Trento ha respinto l’invito del ministro Costa a ritirare quella parte dell’ordinanza che chiedeva l’abbattimento dell’orsa. “Ammazzare un’orsa solo per aver reagito non solo non mi vede favorevole ma la reputo un’ingiustizia”, ha detto Costa. “Nei giorni scorsi – ha aggiunto il ministro – ho scritto anche una lettera al presidente della Provincia autonoma in cui l’ho invitato a ritirare l’ordinanza, dopo la sua risposta, negativa, sono stato costretto a formalizzate il ricorso. Sono a conoscenza che anche associazioni ambientaliste hanno presentato azioni legali – ha detto prima del pronunciamento del tribunale amministrativo – non posso che ringraziarli. Solo insieme possiamo vincere questa battaglia a favore della vita. Gli strumenti che ho a disposizione per salvare Gaia non sono molti purtroppo, ma vi assicuro che tutto quello che posso fare per non farla uccidere lo farò”.

Leggi anche: Salviamo l’orsa condannata all’abbattimento in Trentino: salveremo anche noi stessi

1.5k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.