Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Dopo l’allarme rosso per l”isola di plastica’ nell’Oceano, oggi a Roma si scende in piazza per il clima e contro le grandi opere

Immagine di copertina
La situazione è in netto peggioramento

Alle ore 14.00 la partenza della manifestazione da Piazza della Repubblica

Roma è pronta a scendere di nuovo in piazza contro l’inquinamento: oggi, 23 marzo, si terrà la “Marcia per il Clima e contro le Grandi Opere ed Inutili” con partenza alle ore 14.00 da Piazza della Repubblica in direzione Porta San Giovanni.

I manifestanti sono stati stimati in circa 30mila persone tra comitati, associazioni e movimenti provenienti da tutta Italia. Non si esclude la partecipazione di anarchici e No Tav.

“Le catastrofi naturali non hanno nulla di naturale e non colpiscono tutti nella stessa maniera. Lo vediamo purtroppo quotidianamente e chi sta in basso, infatti, paga i costi del cambiamento climatico e della mancata messa in sicurezza dei territori”, spiegano gli organizzatori. “È vero fuori dai grandi centri cittadini, dove devastazione e cementificazione distruggono l’ambiente e la natura, ma è vero anche negli agglomerati urbani, luoghi sempre più inquinati”.

Nel frattempo sta peggiorando sempre di più l’emergenza “isola di plastica” nell’Oceano Pacifico: l’ammasso di rifiuti tra California e Hawaii, accumulatosi in quella zona per via delle correnti marine, sta assumendo dimensioni sempre più grandi.

Secondo gli ultimi rilievi della fondazione Ocean Cleanup, fondata a Rotterdam con l’obiettivo di contrastare l’inquinamento marino, la “discarica oceanica” conterrebbe 80mila tonnellate di plastica in un’area le cui dimensioni sono tre volte la Francia (circa 544.000 km²).

I nuovi dati pubblicati sulla rivista “Scientific Reports” dimostrano purtroppo che la “GPGP” (Great Pacific Garbage Patch) contiene una concentrazione di immondizia 16 volte maggiore rispetto a quella stimata: il 99,9% è costituita da plastica di cui circa la metà proveniente da reti da pesca e per il resto da uso comune.

Un’ampia parte di questa “discarica marina” è costituita da microplastica, frammenti che poi finiscono in pasto ai pesci e di conseguenza sulle nostre tavole.

Fridays for future, lo storico sciopero degli studenti per il clima: marce e manifestazioni in 123 paesi

Da Milano a Roma, in migliaia in marcia per il clima in nome di Greta: le foto degli inviati di TPI

“Non c’è più tempo”: la spedizione dell’esploratore italiano verso l’isola di plastica nell’oceano Pacifico

Secondo un nuovo studio i mozziconi di sigaretta inquinano il mare ancora più della plastica

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Ambiente / Belize: la barriera corallina “ripaga” il debito pubblico