Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Dopo l’allarme rosso per l”isola di plastica’ nell’Oceano, oggi a Roma si scende in piazza per il clima e contro le grandi opere

Alle ore 14.00 la partenza della manifestazione da Piazza della Repubblica

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 23 Mar. 2019 alle 10:10 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:46
0
Immagine di copertina
La situazione è in netto peggioramento

Roma è pronta a scendere di nuovo in piazza contro l’inquinamento: oggi, 23 marzo, si terrà la “Marcia per il Clima e contro le Grandi Opere ed Inutili” con partenza alle ore 14.00 da Piazza della Repubblica in direzione Porta San Giovanni.

I manifestanti sono stati stimati in circa 30mila persone tra comitati, associazioni e movimenti provenienti da tutta Italia. Non si esclude la partecipazione di anarchici e No Tav.

“Le catastrofi naturali non hanno nulla di naturale e non colpiscono tutti nella stessa maniera. Lo vediamo purtroppo quotidianamente e chi sta in basso, infatti, paga i costi del cambiamento climatico e della mancata messa in sicurezza dei territori”, spiegano gli organizzatori. “È vero fuori dai grandi centri cittadini, dove devastazione e cementificazione distruggono l’ambiente e la natura, ma è vero anche negli agglomerati urbani, luoghi sempre più inquinati”.

Nel frattempo sta peggiorando sempre di più l’emergenza “isola di plastica” nell’Oceano Pacifico: l’ammasso di rifiuti tra California e Hawaii, accumulatosi in quella zona per via delle correnti marine, sta assumendo dimensioni sempre più grandi.

Secondo gli ultimi rilievi della fondazione Ocean Cleanup, fondata a Rotterdam con l’obiettivo di contrastare l’inquinamento marino, la “discarica oceanica” conterrebbe 80mila tonnellate di plastica in un’area le cui dimensioni sono tre volte la Francia (circa 544.000 km²).

I nuovi dati pubblicati sulla rivista “Scientific Reports” dimostrano purtroppo che la “GPGP” (Great Pacific Garbage Patch) contiene una concentrazione di immondizia 16 volte maggiore rispetto a quella stimata: il 99,9% è costituita da plastica di cui circa la metà proveniente da reti da pesca e per il resto da uso comune.

Un’ampia parte di questa “discarica marina” è costituita da microplastica, frammenti che poi finiscono in pasto ai pesci e di conseguenza sulle nostre tavole.

Fridays for future, lo storico sciopero degli studenti per il clima: marce e manifestazioni in 123 paesi

Da Milano a Roma, in migliaia in marcia per il clima in nome di Greta: le foto degli inviati di TPI

“Non c’è più tempo”: la spedizione dell’esploratore italiano verso l’isola di plastica nell’oceano Pacifico

Secondo un nuovo studio i mozziconi di sigaretta inquinano il mare ancora più della plastica

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.