Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Greta Thunberg a Milano: “Sul clima 30 anni di bla, bla, bla e promesse vuote”

Immagine di copertina
Credit: EPA/CLEMENS BILAN

Greta Thunberg a Milano: “Sul clima 30 anni di bla, bla, bla e promesse vuote”

“Trent’anni di bla bla bla dove ci ha portato?” Greta Thunberg ieri si è scagliata contro le “promesse vuote” di politici e leader mondiali sulla crisi climatica e le parole con cui negli ultimi decenni hanno promosso progetti dai nomi altisonanti senza intervenire sulle cause del riscaldamento globale.

“Ricostruire meglio: bla, bla, bla. Green economy: bla, bla, bla. Emissioni zero entro il 2050: bla, bla, bla. Questo è tutto quello che sentiamo dai nostri cosiddetti leader”, ha detto all’incontro Youth4Climate, organizzato a Milano in vista della Cop26, il vertice mondiale sul cambiamento climatico in programma tra ottobre e novembre a Glasgow.  “Più del 50% di tutte le emissioni di Co2 sono avvenute dal 1990 in poi e un terzo dal 2005 in poi. Tutto questo mentre abbiamo sentito cosa i leader avrebbero voluto fare, ma nessuno sa che cosa hanno fatto”, ha detto.

“La crisi climatica è sintomo di una crisi di più ampio respiro, la crisi sociale della ineguaglianza, che viene dal colonialismo. Una crisi che nasce dall’idea che alcune persone valgono più di altre”, ha aggiunto Thunberg, intervenuta sullo stesso palco del ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, che ha chiesto ai giovani di aiutare a trovare “nuove soluzioni”.

“Spero che oltre a protestare, cosa che è estremamente utile, ci aiuterete a identificare nuove soluzioni visionarie, è questo quello che ci aspettiamo da voi”, aveva detto in precedenza Cingolani, criticato da molti attivisti per le sue aperture sul nucleare e il tentativo di chiedere un’esenzione per le auto di lusso dall’obbligo imposto a livello europeo di produrre solo veicoli a zero emissioni entro il 2035. “Vogliamo ascoltare le vostre idee, proposte e raccomandazioni, abbiamo bisogno della vostra visione e motivazione e del vostro coinvolgimento”.

“Selezionano giovani come noi fingendo di ascoltarci, ma non lo fanno. Non ci hanno mai ascoltato”, ha risposto indirettamente Thunberg. “Ci stiamo muovendo velocemente nella direzione sbagliata”, ha affermato nel suo duro intervento, in cui ha accusato i leader mondiali di non agire “volontariamente” in quello che definisce “un tradimento”. “Non possono dire che lo stanno facendo, perché continuano ad aprire miniere di carbone e sfruttare i giacimenti, senza aumentare i fondi per i paesi vulnerabili”, ha detto la giovane attivista, ripresa con Cingolani in una foto diventata virale sui social.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Ambiente / Belize: la barriera corallina “ripaga” il debito pubblico