Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Stressati dal clima: così l’eco-ansia assale sempre più giovani

Immagine di copertina

Panico, apprensione cronica e paura del futuro. L’angoscia climatica minaccia la salute dei giovani ed è figlia tanto del riscaldamento globale quanto dell’inerzia dei governi nel combatterlo

«Sono seduta a tavola con la mia famiglia. La casa è avvolta dalle fiamme e i miei restano immobili. Io urlo che dovremmo fare qualcosa ma loro non agiscono, non vedono. E tutto va avanti come nulla fosse». Questo è lincubo ricorrente di Carlotta, 32 anni, di Milano.

Mentre racconta il suo sogno, Carlotta scoppia a piangere. È un pianto misto a rabbia. E paura.

Carlotta soffre di eco-ansia (in inglese eco-anxiety), un disagio forse ancora poco noto ma sempre più diffuso che colpisce le persone sensibili alle tematiche ambientali. Ansia cronicizzata, costante paura del futuro, malessere, stress, fino ai più gravi casi di attacchi di panico. Sono queste le diverse forme in cui si può manifestare lansia climatica.

«Ho scoperto di soffrire di eco-ansia tre anni fa, quando sono entrata a far parte del gruppo di attivisti XR (Extinction rebellion) dove ho trovato altre persone che come me provano questa angoscia legata allemergenza del clima. Sentivo continuamente dentro di me un senso di irrequietezza mista ad apatia e senso di impotenza», racconta ancora Carlotta. Un malessere talmente forte che, in alcuni momenti, dice: «Non riesco a fare niente. Non riesco a lavorare. La magnitudine del problema ambientale è tale che non so da dove cominciare. Mi sento schiacciata». Confessa che sta persino pensando di lasciare il lavoro per occuparsi esclusivamente di attivismo ambientale. «Mi sembra di perdere tempo quando sono al lavoro e non mi occupo di emergenza climatica», racconta.

Il crollo del ghiacciaio della Marmolada, la siccità dei fiumi italiani, il caldo estremo, gli incendi sono solo alcuni degli eventi traumatici che stanno uccidendo non soltanto il nostro Pianeta, ma anche la nostra salute mentale. Diversi studi hanno infatti rilevato significativi livelli di disagio psicologico associato al cambiamento climatico, esacerbato dallincapacità dei governi di agire rapidamente contro il global warming.

I più colpiti sono i giovani

Il 79,9 per cento degli italiani ha paura del cambiamento climatico, in particolare dellaumento di 1,5 gradi della temperatura della Terra. Lo dicono i dati dellOsservatorio sulla sostenibilità realizzato dal Censis in collaborazione con Assogestioni. Ma a livello globale le ricerche stimano che siano le ragazze e i ragazzi nati dalla fine degli anni 90 i soggetti più esposti allangoscia climatica.

Il più grande sondaggio mai condotto sullansia climatica nei giovani, The Lancet. Planetary Health” rivela che tre quarti degli intervistati tra 10mila giovani di età compresa tra 16 e 25 anni provenienti da dieci diversi Paesi considerano il futuro spaventoso”. La metà di loro si dichiara triste, ansioso, arrabbiato, persino colpevole della crisi climatica.

Martina Comparelli, classe 1993, attivista di Fridays For Future, racconta a TPI una delle ultime crisi di eco-ansia che ha vissuto: «Sabato scorso sono stata a un evento in cui si parlava, tra le altre cose, di ingiustizia climatica. Nel percorso che mi riportava verso casa ero a pezzi. Mi sono chiusa nel buio della mia stanza per calmarmi. Mi veniva da piangere».

«Sento una responsabilità che sfocia nel senso di colpa. E allo stesso tempo provo una forte impotenza perché mi sembra sempre di non riuscire a sensibilizzare abbastanza i miei concittadini. Quando vedo che le persone a me più vicine, come la mia famiglia, non capiscono la gravità dellemergenza climatica mi chiedo se quello che sto facendo sia davvero utile», ci confessa Comparelli, attivista ambientale di primo piano, che durante lo Youth4Climate di Milano dello scorso settembre ha incontrato il presidente del Consiglio Mario Draghi insieme a Greta Thunberg e Vanessa Nakate.

Attivista di Fridays For Future è anche Anna Postorino, 24 anni, di Gorizia. Anche lei decide di raccontarci il suo rapporto con leco-ansia. «Gran parte della mia giornata la trascorro a lavorare per Fridays for Future e sono bombardata in continuazione da notizie sul clima. Quando poi smetto di lavorare e mi metto a scorrere i post su Instagram o mi dedico alla lettura di un giornale e mi imbatto di nuovo in un articolo in cui si parla per esempio di siccità mi pervade una sensazione di ansia». Anna ha capito subito che si trattava di ansia climatica: «Studio psichiatria alluniversità e ho intuito da sola che potesse esserci unansia collegata a eventi ambientali catastrofici o comunque alla situazione che stiamo vivendo».

Angelo, 26 anni, giovane ingegnere di Milano e attivista come Carlotta del movimento di Extinction Rebellion racconta invece che ha iniziato a provare leco-ansia una volta finito il liceo. È successo quando «mi sono interessato di più al mondo e a seguire le notizie, e quelle più paurose erano le rare notizie sul clima e lambiente, che ho poi approfondito da solo per capirne di più». Secondo Angelo, «se non attueremo un cambiamento profondo e radicale sulla nostra società, sarà la fine di tutto. Lestate era quel periodo dellanno sinonimo di spensieratezza, adesso mi induce solo terrore perché ci offre un campione concreto di quello che tra poco sarà la normalità», spiega lattivista.

Più sai, più soffri

Definita dallAmerican Psychological Association (Apa) come una «paura cronica del disastro ambientale», leco-ansia non è stata ancora inserita nel Diagnostic & Statistical Manual of Mental Disorders (Dsm-5), il manuale di riferimento i per disturbi mentali. Ma c’è chi ne ha fatto materia di approfondito studio, come lo psichiatra e psicoterapeuta cognitivo comportamentale Matteo Innocenti che ha fondato lAssociazione Italiana Ansia da Cambiamento Climatico (Aiacc) e ha scritto il libro Ecoansia. I cambiamenti climatici tra attivismo e paura” (Erickson, 2022).

«Leco-ansia non è ancora nella scala dei disturbi psichici, ma sono sempre di più i pazienti che ne soffrono», ci spiega Innocenti, che ha validato in italiano la scala di valutazione dei livelli di eco-ansia (Climate change anxiety scale) e quella sulla preoccupazione da cambiamento climatico (Climate change worry scale). «I cambiamenti climatici stanno stravolgendo la natura e ciò che ci circonda. Ma ci stanno anche riavvicinando allambiente. E dato che questo ambiente si sta deteriorando diventa fonte di preoccupazione. E ciò che ci viene in risposta da questo ambiente, è un sentimento di ansia. Leco-ansia è legata alla sensazione che le basi ecologiche della nostra esistenza stiano venendo meno», continua lesperto.

Soffre di eco-ansia chi comprende il cambiamento climatico. «Questa emozione sta esplodendo perché gli effetti del cambiamento climatico si stanno rendendo sempre più visibili», dice lecoterapista. «In genere i soggetti più vulnerabili allansia climatica sono quelli che più si interessano ai cambiamenti climatici. Dagli attivisti, agli studiosi passando per gli scienziati. Ma anche giovani con un livello socio-culturale elevato perché hanno maggiore fruibilità delle emozioni e riescono a leggerle meglio».

Sono persone che solitamente sono preoccupate per lambiente. Persone che si informano, studiano e che si sono rese conto del cambiamento climatico in atto. «Hanno assunto la consapevolezza che ha generato in loro lemozione di eco-ansia», conferma il medico.

Perché mettere al mondo dei figli

C’è chi si sente in colpa quando mangia carne o quando utilizza lautomobile per spostarsi. Chi si sente stressato e preoccupato nel leggere articoli di giornale o post social che parlano di emergenza climatica. E anche chi, pur desiderandolo tantissimo, mette in discussione lidea di mettere al mondo figli per paura di consegnare loro un mondo che non sarà più lo stesso. «Dare alla luce un bambino in questa situazione climatica è una paura data dal futuro che si prospetta incerto e minaccioso. Pensare di dare alla luce un figlio che vivrà una situazione forse ben peggiore rispetto a quella che viviamo oggi spaventa e crea anche sofferenza perché si tratta di un istinto evolutivo», spiega il dottor Innocenti.

Alessandro Berti, anche lui attivista del movimento ambientalista Extinction Rebellion, che nel momento in cui scriviamo è impegnato in uno sciopero della fame a sostegno dellorganizzazione di una Assemblea dei Cittadini sul clima, approfondisce con noi, tra le altre cose, anche questo tema. «Al momento un figlio non lo farei. Sento troppo la responsabilità di mettere al mondo una persona che poi dovrà vivere, anzi sopravvivere, in un mondo del genere. In questo momento non me la sento. È troppo grossa la responsabilità. Non biasimo le persone che hanno deciso di averne, ma per la situazione globale di oggi lo ritengo un atto di irresponsabilità», dice Berti. Parlando della sua esperienza con leco-ansia, invece, Berti ci racconta di un episodio in cui ha provato un forte senso di disagio proprio di fronte a una bambina. «Stavo andando a prendere la verdura al km zero del mio comune in provincia di Verona quando ho incontrato una mia amica con sua figlia di soli due anni. Cera questa bambina che mi guardava e mi sorrideva. E io dentro di me ho pensato Lei ride ma non sa che il prossimo futuro, cioè il suo futuro, è molto preoccupante”. Mi sono trovato a disagio davanti a una bambina piccola. Mi sentivo in colpa per lei. E ogni tanto questa cosa mi ritorna. Quando vedo bambini che giocano, li guardo e penso che loro questa emergenza climatica la prenderanno proprio in faccia», riflette lattivista.

Se nessuno ascolta

Leco-ansia, però, non è soltanto la conseguenza sulla nostra psiche del collasso climatico in corso, ma è legata anche al fatto che non venga fatto molto per risolverla. Lincapacità da parte dei governi di rispondere alla crisi climatica è associata infatti a un aumento dellansia climatica. Sempre secondo i ricercatori dellindagine pubblicata da The Lancet. Planetary Health”, leco-ansia e linsoddisfazione per le risposte del governo sono diffuse nei bambini e nei giovani nei Paesi di tutto il mondo e influiscono sulla loro pressione psicologica quotidiana. C’è un urgente bisogno di ulteriori ricerche sullimpatto emotivo del climate change sui più giovani ed è necessario che i governi riconoscano questa ansia climatica intraprendendo azioni urgenti per combattere il riscaldamento globale, concludono gli scienziati nel report.

«Linazione dei governi aumenta leco-ansia perché da una parte chi ne soffre potrebbe arrivare a chiedersi ma se voi non fate niente e noi stiamo peggio che senso ha affannarsi” e dallaltra non agendo i governi minano il senso di auto-efficacia del singolo. Si può scadere nel negazionismo inteso come se loro non fanno niente, allora vorrà dire che non c’è nessun problema», spiega lo psichiatra Matteo Innocenti.

Esiste un antidoto

Leco-ansia tuttavia non va demonizzata. Anzi, secondo Innocenti: «Va aiutata, perché può essere il motore delle persone per risolvere il problema. Agendo io mi sento auto efficace e sento che sto risolvendo il problema». «Lansia climatica si cura in più modi: riciclando, rispettando lambiente, mangiando meno carne, facendo qualcosa che ci toglie il senso di colpa e ci fa sentire più auto-efficaci e più efficaci al cambiamento. Fare rete. Fare gruppo con chi come noi condivide il problema. Ritrovare il contatto con la natura. Ri-approciarsi alla natura. Fare delle passeggiate nel verde. Piantare alberi, prendersi cura delle piante. Aiutare il più possibile. Perché questo fa sì che venga aumentato il proprio senso di efficacia», spiega lo psichiatra.

Il segreto è quindi incanalare questo tipo di angoscia in azione. Come ha fatto lattivista Alessandro Berti: «Io penso di aver già trasformato lemozione negativa delleco-ansia in azione. Nel mio caso è diventata disobbedienza civile non violenta. Lo sciopero della fame ne è un esempio. Anche perché se non riuscissi a trasformare questi sentimenti di ansia negativi in qualcosa di positivo andrebbero a ledere il mio benessere mentale. Sento che questo è lunico modo per non perdere tempo e per elaborare e sviluppare questi sentimenti di eco-ansia».

Anche Martina Comparelli ha trovato laspetto positivo delleco-ansia. «Grazie ai social e al movimento dei Fridays for Future ho trovato diverse persone con le quali riesco a condividere questa ansia. Persone che mi capiscono e che io capisco», ammette lattivista. «La cura, lantidoto alleco-ansia è la collettività. Il trucco è capire come incanalare questa angoscia. Dobbiamo cercare di trasformare questo senso di colpa in voglia di sistemare le cose e la rabbia in voglia di protestare perché le cose cambino», conclude Comparelli.

In questo modo leco-ansia potrebbe rivelarsi un combustibile efficace per accelerare e stimolare interventi più urgenti per combattere le cause dellemergenza climatica.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ambiente / In 60 anni foreste diminuite del 60% a persona: oggi mezzo ettaro a testa
Ambiente / Greta non si presenta al summit Fridays for Future a Torino. C’è chi parla di “De-Gretizzazione” del movimento
Ambiente / A Torino il meeting europeo dei Fridays for Future con Greta Thunberg
Ambiente / Gli iceberg della Groenlandia hanno perso 6 miliardi di tonnellate d’acqua al giorno
Ambiente / Incendi, continua l’emergenza: in fiamme il Carso e la Versilia. Atene, brucia la periferia nord: 12 feriti
Ambiente / Marmolada: si è formato nuovo grande crepaccio di 200 metri
Ambiente / Roma, Gualtieri: "Trasporti gratis in autunno, cercherò le risorse"