Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Earth Overshoot Day: oggi l’umanità ha esaurito le risorse disponibili per il 2021

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Di anno in anno, questo giorno arriva sempre prima. Per mantenere i nostri consumi attuali, ci vorrebbero 1,7 Terre all'anno

Oggi è una data molto importante per l’intero pianeta: l’Earth Overshoot Day. Non si tratta però purtroppo di un giorno di festa, ma di una giornata che da alcuni anni viene resa pubblica nel momento in cui, per quell’anno solare, l’umanità ha esaurito le risorse naturali necessarie per vivere in modo sostenibile. Da domani andiamo in deficit.

Quest’anno, il giorno in cui la Terra esaurisce le risorse naturali previste per tutto il 2021, cade il 29 luglio, rispetto al 22 agosto dell’anno scorso, che era stato posticipato a causa della pandemia. Nel 1970, per esempio, la giornata era caduta il 29 dicembre. E dunque il Pianeta, come sta accadendo appunto negli ultimi decenni, da domani va in credito sulle risorse dell’anno successivo dimostrando che lo sta sovrasfruttando.

Viviamo tutti, individui e comunità, come se avessimo a disposizione poco più di una Terra e mezza, ricorda il think tank statunitense Global Footprint Network (Gfn) che ogni anno calcola la data dell’Earth Overshoot Day. Fra le cause principali ci sono l’aumento dell’impronta ecologica (che calcola quante e quali risorse consuma ciascuno) e la deforestazione. Secondo alcune stime, ricorda il think tank, per posticipare la data, un dimezzamento delle emissioni globali di carbonio servirebbe a spostare l’Earth Overshoot Day di 93 giorni, ovvero di oltre tre mesi.

In un comunicato scrive il Wwf sottolinea: “L’umanità attualmente utilizza il 74% in più delle risorse che gli ecosistemi del pianeta sono in grado di rigenerare“. Possiamo quindi dire che consumiamo 1,7 Terre all’anno. “Dall’Earth Overshoot Day fino alla fine dell’anno, l’umanità opera in deficit di spesa ecologica. Questa spesa è attualmente una delle più grandi da quando il mondo è entrato in overshoot ecologico nei primi anni ‘70”.

Nel giorno del “Sovrasfruttamento della Terra” negli Usa è stata lanciata la campagna “100 Giorni di Possibilità”, visto che mancano 100 giorni alla Cop26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre prossimi.

Anche il web magazine EconomiaCircolare.com, in occasione dell’Earth Overshoot Day 2021, ha dedicato uno Speciale di approfondimento a una piccola rivoluzione circolare in corso: quella dei cosiddetti sistemi di riuso degli imballaggi. Un fenomeno in continua espansione in tanti Paesi e che comincia a farsi strada anche in Italia, anche grazie alla crescente consapevolezza che gli impatti ambientali dei contenitori riutilizzabili sono sensibilmente inferiori a quelli degli imballaggi monouso. Un’indagine di mercato di Unilever del 2019 ha rilevato che tre persone su cinque nel Regno Unito ritengono il riuso prioritario rispetto al riciclo e che l’85% desideri acquistare prodotti in imballaggi riutilizzabili. Non a caso sono tanti i grandi marchi che hanno introdotto iniziative che vanno in questa direzione.

“Nella giornata dell’Overshoot day – spiega Raffaele Lupoli, il direttore editoriale di EconomiaCircolare.com – dobbiamo rinnovare l’impegno a sensibilizzare sempre più imprese e cittadini, affinché si creino le condizioni perché anche nel nostro Paese si sviluppino questi modelli, a partire da settori dove lo spreco di materiali monouso è più importante, come quello del cibo da asporto, le consegne a domicilio e il commercio online”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Amazzonia, l’allarme del WWF: la deforestazione sta raggiungendo un punto di non ritorno
Ambiente / Qatarstrofe ambientale: Fifa e Doha hanno già vinto la Coppa dell’inquinamento
Ambiente / Il nuovo report del WWF: in 20 anni oltre 3mila tigri confiscate in 50 Paesi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Amazzonia, l’allarme del WWF: la deforestazione sta raggiungendo un punto di non ritorno
Ambiente / Qatarstrofe ambientale: Fifa e Doha hanno già vinto la Coppa dell’inquinamento
Ambiente / Il nuovo report del WWF: in 20 anni oltre 3mila tigri confiscate in 50 Paesi
Ambiente / L’allarme del WWF: nel 2020 la massa di tutti i manufatti realizzati dall’uomo ha superato la biomassa naturale
Ambiente / Cop27, nasce un “fondo di riparazione” per i danni ambientali. Ma manca l’accordo sui combustibili fossili
Ambiente / Brutto clima a Capitol Hill: la carica dei negazionisti al Congresso Usa
Ambiente / Vienna, attivisti per il clima lanciano liquido nero su un quadro di Klimt
Ambiente / Il cambiamento climatico favorisce il ritorno del colera: nel 2022 boom di casi e letalità triplicata
Ambiente / Siamo diventati 8 miliardi: per la Terra è un numero insostenibile ma c’è chi pensa di guadagnarci
Ambiente / “I nostri governanti non si rendono conto di quanto è grave la situazione sul clima”