Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Capodoglio trovato morto sulla spiaggia di Lascari (Sicilia): aveva chili di plastica nello stomaco

Immagine di copertina
Greenpeace, Instagram

Aveva chili di plastica nella pancia. Un giovane esemplare di capodoglio di sei anni è stato trovato morto sulla spiaggia siciliana di Lascari, tra Cefalù e Buofornello, a nord della regione.

A riferirlo per primo è Greenpeace, che ha fatto circolare sul web le immagini dell’animale morto sul bagnasciuga insieme a quelle dei materiali plastici ritrovati all’interno del suo ventre: buste, sacchetti di plastica, reti, sono solo alcuni esempi di ciò che gli esperti dell’Istituto zooprofilattico siciliano in collaborazione con le università di Messina e di Padova hanno trovato.

Anche se non è ancora sicuro che la causa del decesso dell’animale sia da collegarsi direttamente con l’ingestione di chili di plastica, Greenpeace lancia l’allarme e lo fa forte  chiaro: “Non possiamo certo far finta che non stia succedendo nulla. Il mare ci sta inviando un grido di allarme, un SOS disperato. Bisogna intervenire subito per salvare le meravigliose creature che lo abitano”, ha detto Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare dell’organizzazione non governativa.

capdoglio spiaggiato plastica
Greenpeace, Instagram
capodoglio spiaggiato plastica
Greenpeace, Instagram

Quello del cucciolo di capodoglio trovato a Lascari non è infatti che la cima dell’iceberg: negli ultimi cinque mesi sono stati trovati cinque esemplari della stessa specie spiaggiati e privi di vita sui litorali italiani.

L’ultimo caso risale al primo aprile scorso, quando a Porto Cervo (Sardegna) sono stati trovati addirittura 22 chili di plastica nello stomaco di una femmina di capodoglio, che tra l’altro era incinta.

“Ci stiamo attivando con The Blue Dream Project e con i ricercatori per monitorare lo stato di salute del Mediterraneo. Tenetevi pronti, perché vi faremo vedere quello che succede anche nelle acque di casa”, ha scritto Greenpeace sul suo account Instagram questo lunedì 20 maggio.

Questo paese vuole essere il primo al mondo a diventare “plastic neutral”
Sabaudia plastic free: sul litorale delle dune si va al mare con la borraccia

 

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Scoperto un nuovo buco dell’ozono: è sette volte più grande
Ambiente / Marmolada, il glaciologo: “Tragedia destinata a ripetersi, il ghiacciaio potrebbe scomparire entro 20 anni”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Scoperto un nuovo buco dell’ozono: è sette volte più grande
Ambiente / Marmolada, il glaciologo: “Tragedia destinata a ripetersi, il ghiacciaio potrebbe scomparire entro 20 anni”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Ambiente / Inquinamento nascosto: così le microplastiche hanno invaso il mare della Puglia
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ambiente / Emergenza siccità, l’allarme di Enel: “L’acqua è finita”
Ambiente / Emergenza siccità, il ministro Patuanelli: “Inevitabile dichiarare lo stato di crisi”
Ambiente / Allarme siccità sul Po, chiesto il razionamento dell’acqua in 125 comuni: “Valori mai visti da 70 anni”