Me

Iran, ondata di cyber attacchi degli Usa contro Teheran

Immagine di copertina

Iran cyber attacchi Usa – Continua a salire la tensione tra gli Stati Uniti e l’Iran. L’ultimo capitolo nello scontro a distanza tra le due nazioni è quello dei cyber attack condotti da Washington contro Teheran.

L’offensiva informatica è stata diretta contro un gruppo di intelligence iraniano che gli 007 Usa credono sia dietro all’attacco alle petroliere nel Golfo del’Oman.

L’operazione dello Us Cyber Command, secondo quanto riportato dal New York Times, è avvenuta lo stesso giorno in cui il presidente Donald Trump ha fermato i raid aerei contro stazioni radar e batterie missilistiche in Iran.

Un attacco che, ha specificato l’inquilino della Casa Bianca, non è stato mai revocato ma sospeso. “Non ho mai revocato il raid contro l’Iran, come la gente sta erroneamente riportando. L’ho solo fermato per il momento”, ha scritto su Twitter Donald Trump.

Le sanzioni

Dopo aver ordinato e poi annullato un attacco contro Teheran e mentre si recava a Camp David, la residenza estiva presidenziale, Trump ha annunciato nuove sanzioni contro l’Iran, salvo poi cambiare idea.

Usa, dopo l’abbattimento del drone Trump approva attacco all’Iran poi lo annulla

“Ci saranno nuove sanzioni contro l’Iran”, ha affermato il presidente, aggiungendo che Teheran “non avrà mai la bomba atomica”.

Poco dopo, però, l’inquilino della Casa Bianca è tornato sull’argomento e ha lanciato un appello all’Iran: “Facciamo un nuovo accordo. Let’s make Iran great again”.

“Se rinunciano ad avere un’arma nucleare saranno di nuovo un Paese grande e prospero” ha aggiunto il presidente Usa, correggendo le dichiarazioni che aveva fatto solamente pochi minuti prima.

“Prima mi accusavano di essere un guerrafondaio, ora mi accusano di essere una colomba” ha dichiarato il presidente Usa, il quale ha ribadito la sua fiducia nei confronti di John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale che avrebbe spinto per attaccare l’Iran.