Me

Giorgia Meloni vuole un governo Fratelli d’Italia-Lega: “Abbiamo i numeri”

Immagine di copertina

Governo news – Dopo aver chiuso le porte ad una collaborazione con Forza Italia, Giorgia Meloni rilancia l’idea di un’intesa di governo Fratelli d’Italia-Lega. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera la presidente Fdi sostiene oggi senza giri di parole che il suo partito e il Carroccio “hanno i numeri per governare”.

Governo news | Meloni e un governo Fdi-Lega: “Abbiamo i numeri”

“Con il loro voto – ha detto Meloni -, gli elettori possono dimostrarci che un altro governo è possibile. Che un’alleanza fra Lega e Fdi ha i numeri, è la via giusta, utile, logica per cambiare l’Italia e per farla contare in Europa”. Secondo la leader di Fdi “questo governo non riesce più ad andare avanti, visto che ormai Di Maio parla la lingua di Zingaretti mostrando la vera anima del M5s”.

Non è mancato un commento su Forza Italia, rimarcando le distanze dal partito di Berlusconi. “Fi è nel Ppe, condivide l’assetto e gli equilibri europei per come sono stati finora. Berlusconi addirittura pensa a Draghi come possibile premier, quando per noi l’idea di un nuovo Monti è il peggior scenario possibile”.

E ancora: anche in Italia – ha proseguito la presidente di Fdi – “dovremo capire qual è la linea di Fi. Perché sentir parlare, come in Sicilia, di governi con il Pd ci colpisce. Vogliamo chiarezza, che ad oggi non c’è”.

Le ultime news sul governo

Sulle dichiarazioni di Matteo Salvini che ribadisce di non voler far cadere il governo, Meloni afferma: “Non può dire nulla di diverso, finché il governo sta in piedi sono parole dovute e obbligate. Ma è stato lui stesso a notare che ormai Di Maio e Zingaretti sembrano avere programmi e idee coincidenti su tutto o quasi”.

Di conseguenza, tutto “dipenderà dai risultati” delle Elezioni Europee del 26 maggio: “Io chiedo agli italiani, con il loro voto, di staccare la spina”. E “se i risultati confermeranno che un’altra maggioranza è possibile, mi aspetto la crisi in tempi rapidi”.

Ovviamente una maggioranza alternativa composta da Lega e Fratelli d’Italia sarebbe possibile solo attraverso un passaggio elettorale. Attualmente i gruppi dei partiti di Salvini e Meloni rappresentano circa un quinto del Parlamento. Alla Camera dei deputati, con 630 membri e asticella della maggioranza fissata a quota 316, i gruppi di Lega e Fdi sono composti rispettivamente da 123 e 33 onorevoli. Al Senato, dove la tranquillità numerica si raggiunge con più di 160 voti, i rappresentanti del Carroccio sono 58. Quelli di Fratelli d’Italia 18.