Me

Per la prima volta una musulmana in burkini va in copertina su “Sport Illustrated”: è Halima Aden

Immagine di copertina
Credits: Instagram Halima Aden

Halima Aden è la prima musulmana in burkini e hijab sulla copertina di”Sports Illustraded“, la più importante rivista di sport statunitense. La modella 21enne è di origini somale ma nata in un campo profughi in Kenia e naturalizzata americana.

“Non cambiare te stessa. Cambia il gioco! Ragazze nulla è impossibile”: ha scritto la ragazza sul suo profilo Instagram (900 mila follower) per presentare il numero in edicola.

Il servizio è stato realizzato a Watamu Beach, Kenya, dal fotografo di moda Yu Tsai.  “Essere su ‘Sports Illustrated’ è cosa molto più grande di me. E’ un messaggio alla mia comunità e al mondo che le donne di ogni provenienza, aspetto, educazione… possono stare insieme ed essere celebrate”, ha aggiunto.

Gli scatti di Halima Aden in burkini e hijab sono stati pubblicati sul numero di maggio dedicato ai costumi da bagno: per la prima volta dal 1964, l’ultima edizione del “Swimsuit Issue” (numero unico annuale) non ha una ragazza in bikini come protagonista.

Si tratta quindi di una scelta rivoluzionaria: “Oggi vediamo politiche, donne d’affari, reporter televisive e altre donne di successo e in ruoli visibili in hijab: è questo il messaggio che dobbiamo inviare – ha commentato la modella alla “Bbc” – La bellezza si può mostrare anche così”.

Halima Aden si batte da anni contro il pregiudizio per cui velo e burkini sono una costrizione per le donne musulmane, un ostacolo quindi alla loro libertà e femminilità.

Ma non è l’unico record che la ragazza può vantare: nel 2018 è stata la prima modella di colore a indossare un hijab sulla copertina dell’edizione britannica di “Vogue”. Ingaggiata dalla prestigiosa agenzia IMG, la Aden, l’anno prima, aveva partecipato alla settimana della moda di New York  sfilando in hijab.

Iran, gli uomini indossano il velo per sfidare le leggi sull’hijab

La provocazione di una ragazza con il velo in posa davanti ai manifestanti anti Islam