Me

Brigitte Nielsen, di nuovo mamma a 54 anni, racconta le difficoltà dell’inseminazione artificiale: “Non ho mai mollato”

L'attrice danese ha tentato per oltre dieci anni l'inseminazione artificiale e nel 2018 ha potuto finalmente abbracciare la piccola Frida.

Immagine di copertina

BRIGITTE NIELSEN MATERNITÀ – Essere mamma è una delle più grandi gioie della vita, soprattutto per donne come Brigitte Nielsen, che è riuscita nell’intento ben cinque volte. La piccola Frida, nata nel 2018 con un peso di circa 2,5 chilogrammi, è il frutto di oltre dieci anni di tentativi d’inseminazione artificiale.

La bell’attrice danese, reduce dall’esperienza di Creed II, ha avuto la sua bimba a 54 anni, sfidando il tempo e le maldicenze.

Soltanto il 2,5% di possibilità per Brigitte Nielsen e il marito Mattia Dessi, che nel 2019 festeggiano sedici anni di felice matrimonio. Una percentuale così bassa, eppure Brigitte non si è mai data per vinta e, in un’intervista con The Guardian, ha infatti dichiarato di “aver tentato fino all’ultimo embrione. Qualcuno dovrà pur vincere alla lotteria”. E quella vittoria si chiama Frida.

Brigitte Nielsen maternità | 27 settimane di attesa 

L’inseminazione artificiale non è un processo semplice, né economico. “È stata dura. Ho dovuto assumere molti medicinali, è un processo costoso. Gli ormoni reagiscono in modo diverso per ogni donna. Pensi che resterai incinta, ma il più delle volte arriva la fatidica telefonata accompagnata da quel terribile ‘mi dispiace’ che ti devasta”.

Più adulta sei, meno possibilità hai. Brigitte Nielsen ne è consapevole, anche dopo essere diventata quattro volte mamma: prima di Frida, sono arrivati in ordine Julian, Killian, Douglas Aaron e Raoul.

Brigitte ha ascoltato il consiglio del medico e ha annunciato la sua gravidanza soltanto dopo aver superato le 27 cruciali settimane. Con il 98% di possibilità dalla sua parte, l’attrice ha potuto finalmente confessare la lieta notizia anche a sua madre.

Come ha reagito il resto del mondo alla gravidanza della cinquantaquattrenne Brigitte Nielsen? A detta dell’attrice, sono state tantissime le donne che l’hanno ringraziata del proprio coraggio. Per quanto riguarda i commenti dei media, l’attrice ha deciso che per quanto “ridicoli, odiosi o amorevoli che siano, non sono comunque affari di nessuno”.

Brigitte Nielsen maternità | La consapevolezza

Ma perché una donna dovrebbe essere giudicata se decide di avere un figlio a 54 anni?

“E cosa dovremmo pensare degli uomini che hanno figli a 60, 70, 80 anni? Ho visto di recente Jeff Goldblum, che è diventato padre a 64 anni, e gli ho detto ‘come va, papà vecchio’?”.

Uno dei lati positivi di essere madre a 54 anni? Per Brigitte, è la consapevolezza. “Averla avuta a quest’età è meraviglioso, perché non avevo idea di quello che facevo quando ho avuto il mio primo figlio a vent’anni. Viaggiavo in continuazione, il lavoro veniva prima di tutto, così come l’amore”.