Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Per gli italiani meglio un 2019 senza sesso che rinunciare a Internet

Il sondaggio, realizzato da Expo-Luxe.com, svela le priorità per il nuovo anno

Immagine di copertina

Le priorità degli italiani per il 2019? Sicuramente avere sempre a portata di mano Internet. Anche rinunciando al sesso. A testimoniare ciò è un sondaggio realizzato dal sito Expo-Luxe.com nel dicembre 2018 il quale – su un campione di duemila intervistati, uomini e donne – ha calcolato che una persona (il 32 per cento) su tre preferirebbe un anno di astinenza sessuale anziché privarsi della rete.

Le priorità degli italiani nel 2019

Al primo posto della classifica delle aspettative, secondo gli italiani, non c’è la salute, bensì il lavoro. Per il 54 per cento delle persone la carriera viene prima di tutto. Al secondo posto, però, si posiziona subito una buona condizione fisica (il 25 per cento delle preferenze). E l’amore? Sempre sul podio, ma in terza posizione, scelto dal 21 per cento degli italiani.

La priorità del 2019: il lavoro

A proposito della carriera – un punto fondamentale per la maggior parte dei connazionali – l’82 per cento sostiene che è il networking, la creazione della rete di contatti, l’elemento determinante per la riuscita dei propri obiettivi in ambito professionale.

“Quando si parla di networking si parla soprattutto di collaborazione, considerata da un numero sempre maggiore di imprenditori e professionisti arma vincente per creare valore, progresso e ricchezza”, hanno spiegato i rappresentati di Expo-Luxe.com.

Dove lavorare (in Europa) 

Sul portale dell’Ue, Eures, è disponibile una serie di opportunità di lavoro attualmente aperte in Islanda: chef, camerieri, manovali edili, operai e agenti per la security. Si tratta di lavori stagionali e basta avere, oltre alle competenze specifiche in un determinato campo, la conoscenza della lingua inglese.

Dal 2008 al 2016 mezzo milione di italiani si sono trasferiti all’estero per lavoro.

Tra i paesi più appetibili dove emigrare in cerca di lavoro c’è sicuramente Malta, paese dove il tasso di occupazione è salito dal 66 per cento del 2013 al 72 per cento del 2017. Il tasso di disoccupazione nello stesso periodo è sceso dal 6,1 al 4 per cento.

Sul portale Eures ci sono oltre 600 posizioni aperte: traduttori, esperti in informatica e comunicazione, contabili, avvocati, sviluppatori, ingegneri, dirigenti nel campo di edilizia e servizi finanziari, e molto altro.

Tra le mete preferite dagli italiani che cercano lavoro fuori dai confini c’è sicuramente il Regno Unito, che ha un tasso di occupazione del 77,6 per cento e uno di disoccupazione del 4 per cento.