Me

Adinolfi contro Rocco Siffredi: “Il porno è il demonio”. L’attore risponde: “Vedo in lei un grandissimo desiderio”

Immagine di copertina

È scontro aperto tra l’attore hard Rocco Siffredi e il blogger Mario Adinolfi, dopo che quest’ultimo in un’intervista nel programma La Zanzara su Radio24 si è scagliato contro l’industria del porno.

“Se fossi al governo gli impedirei di fare business, è il male”, ha detto Adinolfi, che oltre a essere giornalista e blogger è tra i fondatori del movimento Popolo della Famiglia.

Siffredi gli ha risposto, sempre dai microfoni del programma radiofonico: “Non lo conosco, lui però vuole bannarmi dall’Italia”, ha detto. “Mi sono informato e mi dicono lui sia un fan della famiglia. Ebbene, io da 25 anni ho una splendida famiglia con due figli maschi stupendi tutti e due laureati, che non so perché non vogliono fare i pornostar. Lei invece è stato mollato dalla prima moglie, è divorziato. Mentre lei promuove le famiglie ed è contro il divorzio”.

“Lei predica bene e razzola male”, ha aggiunto Rocco. “Vedo in lei un grandissimo desiderio. Nel suo inconscio lei, Adinolfi, vuole essere inculato da me. Chiamami, ci mettiamo d’accordo e se mi piace il tuo culo lo faccio. No problem”.

Poco dopo è arrivata la controreplica di Adinolfi sul suo profilo Facebook.

“Rocco Siffredi è un uomo di una spiccata intelligenza, di grande operosità, credo sinceramente dedito alla moglie Rosza e ai figli. Rocco Siffredi non è ‘il male’. Il business a cui da oltre trent’anni si dedica ha senza dubbio dei contorni demoniaci e fu lui stesso a affermarlo davanti a milioni di italiani anni fa, quando dichiarò di voler abbandonare il mondo del porno perché voleva ‘liberarsi dai suoi demoni’ e perché altrimenti avrebbe rischiato di perdere la moglie”, ha scritto il blogger.

“Il mondo del porno è stato definito più volte da Siffredi stesso ‘una schifezza’, con scene meccaniche, maschi robotici e femmine tutte uguali secondo canoni estetici prefissati, zero passione e zero gioia. Io non ho fatto altro che citarlo. Anche secondo me la pornografia è “una schifezza”, per niente eccitante, solo molto deprimente. Ma è certamente un pazzesco business”.

“Io considero la pornografia un business che genera il male per i nostri figli e la loro corretta maturazione sessuale, oltre che un mercato di prostituzione d’alto bordo in cui l’immagine della donna è brutalmente mercificata e umiliata”, ha scritto ancora Adinolfi.

“Ho proposto da tempo come Popolo della Famiglia la black list dei siti porno, sul modello del gioco d’azzardo: ci si accede solamente inviando i propri documenti per dimostrare di essere maggiorenni e ottenere una password personale. Sono certo che se applicassimo questa semplice idea del PdF, il traffico sui siti porno crollerebbe del novanta per cento, insieme al valore del relativo business”.

“Per questo Siffredi mi attacca sul piano personale con tanta violenza e volgarità. Perché sono il primo in Italia ad aver avanzato una proposta concreta per limitare il suo giro d’affari, per intaccare l’unico motore che muove quel mondo: i soldi”.

“Dai, Rocco, sai bene che te la prendi con me perché in fondo vorresti dire sì alla mia proposta. Quanto alla tua, grazie, come se avessi accettato”.