Me

“Costretti a bere urina e mangiare scarafaggi”, un’azienda punisce così i suoi lavoratori | VIDEO

Succede in Cina dove tre dirigenti sono finiti in carcere per la violazione dei diritti del personale

Obbligati a bere urina e a mangiare scarafaggi. Accade in Cina, dove alcuni dirigenti di un’azienda sono stati incarcerati per aver costretto i lavoratori –  che non avevano raggiunto gli obiettivi di vendita – a tali punizioni. A riportare la notizia sono stati i media locali.

Come i lavoratori venivano obbligati a bere urina e mangiare insetti

La polizia è intervenuta dopo la pubblicazione dei video che mostravano come il personale venisse legato con una cintura e obbligato a bere un liquido di colore giallo.

A coloro che curavano i social dell’azienda, inoltre, è stato detto di mangiare scarafaggi se non avessero raggiunto gli obiettivi stabiliti.

In un video ampiamente condiviso sul social cinese Weibo si vede come un impiegato, in piedi in mezzo a un cerchio, viene frustrato con una cintura. Altre persone, invece, ingoiano un liquido giallo da un bicchiere mentre si tengono il naso.

Secondo i media, altre forme di violenza sono state applicate nell’azienda: tra queste il consumo di acqua presa dalla toilette e aceto, oltre alla rasatura della testa.

Che cosa succede all’azienda cinese

La polizia della contea di Zunyi ha arrestato tre dirigenti che sono finiti in carcere, ha scritto il South China Morning Post.

Tra le varie violazioni, la compagnia cinese non avrebbe pagato lo stipendio ai suoi impiegati negli ultimi due mesi. Lo staff, però, non ha alzato la voce. Il timore è che avrebbero perso la loro retribuzione se avessero lasciato il posto di lavoro.

Cina: altri casi di maltrattamenti dei lavoratori

Non è la prima volta che vengono adottate misure insolite per punire o incoraggiare il personale nelle aziende cinesi. Sono diversi, infatti, i casi in cui i dipendenti si sono schiaffeggiati per motivarsi. O in cui alcuni lavoratori sono stati costretti a strisciare in mezzo alla strada oppure a baciare i bidoni della spazzatura per essere puniti dai dirigenti.