Me

Chi è Oleg Sentsov, il vincitore del premio Sakharov 2018

Immagine di copertina

Oleg Sentsov premio Sakharov – Oleg Sentsov è il vincitore del premio Sakharov 2018. Sentsov è un regista e scrittore ucraino, originario della Crimea, conosciuto per il suo film del 2011 Gamer. Dopo l’annessione russa della Crimea fu arrestato e condannato a 20 anni di carcere da un tribunale russo con l’accusa di aver complottato per atti di terrorismo.

Il 14 maggio 2018, ha iniziato uno sciopero della fame a tempo indeterminato per protestare contro la detenzione di 65 prigionieri politici ucraini in Russia e chiedendo la loro liberazione.

Dopo 87 giorni di fame, la sua salute si è completamente deteriorata. Secondo alcuni analisti, Putin ha deciso di lasciare morire Sentsov.

Sentsov era nato il 13 luglio 1976 a Simferopol, in Crimea.

Dopo le proteste del novembre 2013, Sentsov è diventato un attivista di piazza Maidan. Sentsov ha dichiarato di non riconoscere l’annessione russa della Crimea. Sentsov è stato arrestato l’11 maggio 2014 in Crimea con l’accusa di “complotto di atti terroristici”.

Insieme agli attivisti Gennady Afanasyev, Alexei Chirnigo e Alexander Kolchenko, fu detenuto dal Servizio di sicurezza federale della Russia, che li accusò di aver cercato di portare a termine attacchi terroristici su ponti, elettrodotti e monumenti pubblici in Crimea, nelle città di Simferopol, Yalta e Sebastopoli.

Sentsov, Afanasyev, Chirnigo e Kolchenko sono stati anche accusati di appartenenza al gruppo paramilitare nazionalista ucraino, accusa che sia Sentsov sia il gruppo, hanno negato. Sentsov è stato picchiato e minacciato di stupro per estorcergli delle confessioni.

Secondo gli avvocati di Sentsov, gli investigatori hanno rifiutato di aprire un caso sulle sue accuse di tortura, sostenendo che i suoi lividi erano autoinflitti e che era appassionato di sadomasochismo.

Il 19 maggio 2014, Sentsov è stato rinchiuso nella prigione di Lefortovo a Mosca.

Il 26 giugno 2014 il Consiglio presidenziale russo per la società civile e i diritti umani ha presentato ricorso al sostituto procuratore generale Viktor Grin. Il 7 luglio 2014 l’arresto di Sentsov è stato prorogato fino all’11 ottobre. Nell’ottobre 2014 il suo arresto è stato nuovamente prorogato fino all’11 gennaio 2015.

Sentsov è stato privato della cittadinanza ucraina. Il 21 luglio 2015, Sentsov è stato processato per terrorismo in Russia tra le proteste internazionali e una lettera aperta di importanti registi europei come Pedro Almodóvar, Ken Loach, Béla Tarr e Wim Wenders.

Il 25 agosto 2015, un tribunale russo di Rostov-on-Don ha condannato Sentsov a 20 anni di prigione.

Sentsov sta scontando la pena nella colonia penale di Labytnangi, nell’Okrug autonomo di Yamalo-Nenets, nel nord della Russia.

Il 14 maggio 2018, ha fatto uno sciopero della fame a tempo indeterminato per protestare contro la detenzione di tutti i prigionieri politici ucraini in Russia e chiedendo la loro liberazione.

Cos’è il premio Sakharov

Il premio Sakharov per la libertà di pensiero è stato istituito nel 1988 dal Parlamento europeo.

Viene assegnato ogni anno a persone o organizzazioni “che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani in tutto il mondo e attira l’attenzione sulla violazione dei diritti umani, oltre a sostenere i vincitori e la loro causa”.

Il vincitore del premio viene annunciato per tradizione in una data prossima al 10 dicembre, in ricordo del giorno della firma della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

Nel settembre di ogni anno il Parlamento europeo nominano i candidati al premio Sakharov. Ogni candidatura deve essere sostenuta da almeno 40 deputati e ciascun europarlamentare può sostenere una sola candidatura.

Le candidature vengono quindi valutate in una riunione congiunta della commissione per gli Affari esteri e della commissione per lo Sviluppo. A questo punto viene stilato un elenco di tre candidati finalisti, che viene presentato alla Conferenza dei presidenti per la votazione finale. Il vincitore viene in genere annunciato in ottobre.

Chi era Andrej Dmitrievic Sakharov

Il premio è intitolato Andrej Dmitrievic Sakharov, fisico sovietico insignito del premio Nobel per la Pace nel 1975.

Sakharov contribuì alla messa a punto della bomba a idrogeno sovietica. In seguito, tuttavia, preoccupato per le conseguenze che tale scoperta avrebbe potuto avere per l’umanità, tentò di far prendere coscienza ai governanti del pericolo rappresentato dalla corsa agli armamenti nucleari.

In Unione sovietica Sakharov era considerato un dissidente. Lo scienziato nel 1970 contribuì alla nascita di un comitato per la difesa dei diritti umani e delle vittime delle persecuzioni politiche.

Il suo impegno fu riconosciuto con il premio Nobel che gli fu assegnato nel 1975.

Nel 1980 lo scienziato fu arrestato ed esiliato nella città di Niznij Novgorod. Nel 1986 fu riabilitato dal presidente dell’Urss Michael Gorbaciov.

Nel 1987 il Parlamento europeo decise di intitolargli un premio per la libertà di pensiero.

Andrej Dmitrievic Sakharov è morto a Mosca il 14 dicembre 1989.