Me
Una donna incinta ha trovato un topo nella propria zuppa: catena di ristoranti cinesi perde 190 milioni in borsa | VIDEO
Condividi su:
Topo zuppa ristorante cinese

Una donna incinta ha trovato un topo nella propria zuppa: catena di ristoranti cinesi perde 190 milioni in borsa | VIDEO

13 Set. 2018
Topo zuppa ristorante cinese

Bruttissima sorpresa per una cliente di un ristorante a Weifang, una città della regione dello Shandong in Cina. La donna, tra l’altro in attesa di un bambino, è rimasta senza parole e probabilmente con un forte senso di nausea quando nella propria zuppa ha trovato un ingrediente non desiderato: un topo.

L’incredibile episodio si è verificato in un ristorante specializzato in zuppe, appartenente a una grande catena cinese. Il curioso ritrovamento è stato ripreso dal cellulare del marito della donna che ha poi pubblicato online il video, che è immediatamente diventato virale in Cina e non solo.

Davanti alle proteste della coppia, secondo le ricostruzioni, lo staff del locale avrebbe offerto una cifra di denaro per far abortire la donna. “Se sei preoccupato per tuo figlio, ti diamo dei soldi per abortire”, le parole che sarebbero state pronunciate da uno dei gestori.

Un grosso danno di immagine per la catena di ristoranti Xiabu Xiabu, ma non solo: in un solo giorno le azioni dell’azienda hanno infatti perso il 12,5 per cento in borsa, una perdita di valore da circa 190 milioni di dollari.

Il ristorante è specializzato in “hotpot”, grossi pentoloni di brodo in cui i commensali immergono le pietanze che preferiscono.

Chi frequenta questo genere di locali, che negli ultimi anni sta riscuotendo enorme successo anche in Europa e America, è abituato a gustare cibi di tutti i tipi all’interno di queste zuppe, dalla carne al pesce, fino alla verdura. Ma di certo non un topo.

Ovviamente sul caso sono in corso delle indagini da parte delle autorità locali.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus