Me

Siti streaming chiusi: ecco i portali bloccati

Le autorità hanno bloccato molti dei maggiori siti che violavano diritti e copyright e riproducevano illegalmente film, serie tv e partite di calcio

Immagine di copertina
Le autorità hanno bloccato la maggior parte dei siti di streaming illegali

Brutta sorpresa per gli utenti dello streaming online. Le autorità hanno bloccato molti dei maggiori siti che per la visione illegale di film, serie tv e partite di calcio.

Va precisato che ad essere chiusi sono stati solo i siti che violavano le leggi del Copyright e non erano in possesso dei diritti per la riproduzione.

I siti di streaming chiusi

Stavolta, pare che le autorità abbiano deciso di essere particolarmente severe nei confronti dei siti illegali più celebri. Tra i portali di streaming costretti a chiudere bottega spunta anche CBo1.

Per anni il sito in questione ha tenuto banco, attestandosi tra i più efficienti in fatto di riproduzione illegale di film e serie tv. Inoltre, il portale in questione non aveva mai subito un oscuramento dal 2011.

Ma non solo CB01. Sono anche altri i siti di streaming famosi che non potranno più trasmettere film e serie tv. Guardaserie, ad esempio, è stato a lungo tra i portali di streaming su cui andare a colpo sicuro per vedere e rivedere serie tv, vecchie e nuove.

Finiscono nel mirino dell’autorità anche Eurostreaming e CinemaGratis. Ma anche ItaliaSerie e altri siti minori hanno subito lo stesso triste destino.

Qualche portale più scaltro, in tempi strettissimi, sarebbe già riuscito a riportare in vita il sito e a creare un nuovo dominio.

Si ricorda comunque che aver menzionato i siti streaming chiusi non vuole in alcun modo incentivarne l’utilizzo. La pirateria, la violazione di diritti d’autore e copyright sono reati.

Le operazioni in questione sono state svolte dalla Guardia di Finanza in collaborazione con la Polizia Postale.

A tal proposito un episodio di particolare rilievo è quello relativo al caso del forum per lo scambio etico TNT Village, recentemente denunciato alle autorità da un gruppo di editori ed associazioni (AIE, Rai Cinema, Eagle Pictures, Garzanti