Me
“Ho visto papà tagliare la mamma con le forbici”, ragazza decapitata davanti alla figlia di 3 anni
Condividi su:
decapitata davanti figlia

“Ho visto papà tagliare la mamma con le forbici”, ragazza decapitata davanti alla figlia di 3 anni

30 Ago. 2018
decapitata davanti figlia

Un uomo ha ucciso la fidanzata decapitandola “perché non era pentita”. Protagonista del folle gesto Timothy Hernandez, 32 anni, che alla polizia dopo aver commesso il delitto ha detto: “Ho parlato con Dio e mi ha ordinato di ucciderla perché non si era pentita”.

Il tutto di fronte alla figlia di 3 anni. Pochi istanti dopo l’orribile omicidio, avvenuto nello stato di Washington (Stati Uniti), l’uomo avrebbe inoltre detto alla piccola di “andare a salutare la mamma”, Vanessa Cons.

Sul posto poco dopo è arrivata la polizia a cui l’uomo ha confessato tutto e raccontato i dettagli del folle gesto. Secondo quanto emerso dai verbali della polizia e riportato da diversi media americani, il 32enne avrebbe dato la possibilità alla compagna di “pentirsi” per non aver seguito la parola di Dio, ma lei avrebbe rifiutato scatenando l’ira omicida dell’uomo.

Poco dopo i poliziotti hanno ascoltato anche la bimba che ha riferito di “aver visto papà tagliare la mamma con le forbici”. Le forbici in realtà erano un coltello da macellaio usato per decapitarla.

La piccola ha poi aggiunto che non sapeva “perché la mamma aveva gli occhi chiusi e il sangue sul viso”.

“Non sono un pazzo, altrimenti non vi avrei raccontato tutta la verità”, ha sostenuto Hernandez alla polizia. Ora l’uomo è accusato di omicidio di primo grado e la sua cauzione è stata fissata in un milione di dollari.

“Sembra un brutto sogno”, ha scritto la sorella di Vanessa sui social network. “Era una persona molto amorevole, che ha sempre messo al primo posto i suoi figli”, ha proseguito.

“Nonostante tutte le sfide che avrebbe dovuto affrontare nella vita, ha fatto del suo meglio per rimanere positiva e affrontare le ostilità. Il suo sorriso illuminerebbe ogni stanza e non sarà mai dimenticato. Le manca molto”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus