Me

“Avrei dovuto saperlo. È colpa mia”, parla la mamma del bambino suicida a 9 anni per bullismo

Il piccolo Jamel Myles si è tolto la vita dopo aver rivelato ai compagni di essere gay. Secondo la ricostruzione della madre, alcuni compagni gli hanno detto di uccidersi

Immagine di copertina
LEIA ROCHELLE PIERCE

Leia Pierce, madre del bambino di 9 anni morto suicida dopo aver rivelato ai compagni di essere gay e aver subito atti di bullismo, ha detto alla Bbc di sentirsi responsabile per la morte del figlio.

“Mi sento responsabile perché non ho visto il dolore negli occhi del mio bambino”, ha detto la donna, “Avrei dovuto saperlo. È colpa mia, non lo sapevo”.

La donna, che vive a Denver, in Colorado, è la madre di Jamel Myles.

Il ragazzino di 9 anni, durante le vacanze estive, aveva fatto coming out con la mamma.

“Era stato orgoglioso di dire alle persone che era gay, quando era tornato a scuola”, ha detto la donna alla giornalista Victoria Derbyshire.

La notizia, però, non è stata presa bene dai compagni di classe che hanno iniziato a insultare e schernire Jamel.

Secondo la madre, alcuni gli hanno detto di uccidersi.

Ha raccontato che il bambino le era sembrato normale dopo il suo ritorno a scuola. Giocava col suo computer e guardava la televisione come al solito. Ma giovedì scorso, dopo solo quattro giorni dal ritorno a scuola, lo ha trovato morto.

“Sono abbastanza sicura che qualcuno abbia deciso di prendersela con lui”, ha detto la madre del bambino. “Che abbia detto a una persona e si è diffusa ed è diventata una situazione peggiore”.

Dopo la morte del bambino, la figlia maggiore ha detto che Jamel le aveva detto di essere vittima di bullismo perché era gay.

“Mio figlio è tornato a casa e le ha detto che i bambini a scuola gli stavano dicendo di uccidersi”, ha raccontato la madre. “Non è venuto da me e mi fa male perché avrei capito e l’avrei difeso. Erano così vicini, lui le avrebbe detto tutto”.

“Non penso sia giusto passarci sopra, quell’immagine, vederlo così, mi brucia nel cervello e fa male, non ho mai voluto vedere il mio bambino così o per far vedere il bambino così, è non è giusto”, ha aggiunto.

Pierce ha detto che Jamel “era magico”. La mamma spera che la morte di suo figlio aumenti la consapevolezza degli effetti dannosi del bullismo e che altri genitori non debbano passare lo stesso calvario.

“Questo ragazzino sarebbe potuto entrare in ogni stanza e far sentire qualsiasi persona amata e speciale”, ha detto.

“Voleva fare un cambiamento nel mondo e mostrare alla gente l’amore. E non può parlare in questo momento, quindi sto usando le parole che ha detto affinché tutti le sentano, perché è un’anima gentile gentile ha lasciato questo mondo a causa di qualcosa di così crudele. E voglio che mio figlio sappia che ha fatto un cambiamento in meglio”.

Quello di Jamel non è il primo caso di suicidio di un bambino vittima di bullismo. Nel 2017 infatti un altro bimbo (8 anni) si suicidò impiccandosi nella sua camera da letto.