Me

Persone clinicamente morte rivelano la loro esperienza con l’aldilà

Su Reddit alcuni utenti si sono ritrovati a raccontare il loro incontro con la morte. Tutte esperienze diverse, accomunate da un fatto: la morte non fa paura

Immagine di copertina
Su Reddit alcuni utenti hanno raccontato le loro esperienze con la morte. Credit: Amabili resti

Per la maggior parte delle persone, l’idea della morte non può che passare per programmi televisivi e film. Ecco, qualsiasi cosa possiamo immaginare accada in quegli ultimi istanti di vita, rimarrà relegata all’immaginazione.

Esistono, però, delle persone dichiarate “clinicamente morte” che per un lasso di tempo hanno vissuto l’aldilà. Anche solo per pochi secondi, queste persone sono morte per poi tornare in vita.

È su reddit che si incontrano molte di queste storie. Ogni esperienza è diversa dall’altra, ma ad accomunare tutte è il fatto che della morte non bisogna aver paura.

Detto con le parole di una voce più che autorevole, quella di Albus Silente, “non pietà dei morti, pietà dei vivi”. Ecco, di seguito, qualche testimonianza interessante.

Vivere è estenuante

Un utente di reddit ha scritto: “Mentre stai morendo, inizi a sentirti stanco come non ti è mai successo prima. È l’atto stesso di rimanere in vita ad essere estenuante”.

Poi solo vuoto : “Finché non mi sono risvegliato da un coma durato un paio di settimane. Non ricordi nemmeno il momento preciso della morte, e ci vogliono settimane perché la tua mente ricordi tutto ciò che ha portato ad esso”.

“Soffrivo molto prima e ho sofferto molto dopo, perché avevo un paio di organi perforati, ma morire no. Morire non è stato doloroso”, aggiunge ancora.

“Non ho paura della morte. Non solo per il dolore in sé, ma perché lo avverto come meno sconosciuto e quando accade non c’è tempo per i rimpianti”, ha concluso l’utente dasher11 di reddit.

La morte è come una grande e calda coperta

“Un vuoto nero – scrive l’utente barrymendelssohn86 – poi svegliarsi in ospedale, circondato da gente che correva. Avevo freddo, anche se intorno la temperatura era normale Devo dire, però, che ero tranquillo. Era come essere avvolti in una calda coperta”.

Sei un “osservatore imparziale”

“Ricordo di essere stato in grado di vedere e sentire tutto e capire cosa stava succedendo, ma non potevo sentire fisicamente nulla, era profondamente inquietante”, scrive Redshirt2386.

“Il mio cuore si è fermato anche dopo l’intervento chirurgico, tre anni fa. Ricordo solo che mi hanno riportato indietro e fluttuavo tra l’oscurità e il panico delle infermiere”, dice fugnuggetino.

“Non sentivo nulla ed ero solo un osservatore imparziale. Le conseguenze furono le peggiori. Comprendere quanto ero vicino all’oblio e ricordare la dissociazione è stato terrificante”, aggiunge.

“La gente spesso dice ‘Oh, non sono preoccupato – è una combattente …’ quando qualcuno sta molto male. Tranne me? Mi sento come se fossi solo pronta a guardarmi svanire nel buio pur essendo contenta e avendo cose per cui vivere. È stato sconcertante”, conclude.

Che cosa farebbe Homer Simpson?

Tale jimofwales scrive: “Mi è stata data una dose di morfina, tubi che pendevano dal mio viso, ho avuto una probabilità su tre di non superare la notte (pancreatite acuta, che ha causato l’insufficienza multipla di organi)”.

“Le mie ultime due riflessioni prima di scivolare nel dimenticatoio sono state: quali saranno le colonne sonore di domani? Cioè gli altri potrebbero conoscerle, e io no, perché sarei morto”, dice.

“E poi: mi piacerebbe molto guardare alcuni vecchi Simpson adesso. Era così. Niente sulla mia famiglia, i miei amici. Sono contento che mi sono svegliato però”.

La morte è come “il buio più buio e il silenzio più silenzioso”

“Sono stato folgorato da circa 13.800 volt, i medici dicono che è probabile che il primo colpo abbia fermato il mio cuore e il secondo l’abbia iniziato (prima che venissi tirato come un cadavere senza vita al sicuro)”, scrive su Reddit Mr-TeaBag-UT_PE.

“Ricordo di aver vissuto l’oscurità più oscura e il silenzio più silenzioso. Ho smesso di preoccuparmi del fatto che stesi morendo”. La dimensione del tempo cambiava e così sembrava fossero passate ore intere e invece – spiega ancora l’utente – erano trascorsi appena trenta secondi.

“Mi sentivo come se stessi fluttuando verso qualcosa che alla fine ho capito era il mio corpo e la realtà. Mentre fluttuavo verso questo qualcosa di indecifrabile, sono diventato consapevole di me stesso”. Ha cominciato a sentire di nuovo il suo corpo, “ho sentito l’elettricità produrre rumori orribili e sapevo di essere in pericolo”.

Campagna regione lazio

“Da lì, un’esperienza orribilmente dolorosa in cui ho perso la maggior parte delle dita dei piedi a causa della morte dei tessuti e ho avuto gravi ustioni provocati dall’elettricità su tutti e quattro gli arti”, conclude.

C’è sempre un rumore bianco

“Sono morto per un periodo brevissimo di tempo, da 30 secondi a un minuto. C’è un grosso malinteso a riguardo. Non è affatto come dormire. Proverò a spiegare. C’è sempre una specie di rumore bianco nella mia mente. Si calma quando dormo, ma è sempre lì”, scrive invece thebestjoeever.

“Non l’ho mai notato prima che morissi, ma ora ci faccio caso. Non voglio romanticizzare la morte, ma quando ero fuori, era come se vivessi un nulla perfetto. E il nulla è così difficile da immaginare normalmente, ma una volta che lo sperimenti e ti riportano indietro, parte di te desidera che tu possa rimanere lì”.

“Non ci sono sentimenti positivi lì, ovviamente, ma anche tutto il male sparisce. Tutto il tuo stress, gli incubi, i problemi. Tutto finito. Non esiste più niente. È bello in un certo senso. Non sono affatto un suicida e spero di vivere ancora una vita lunga e felice. Ma non vedo l’ora di perdere coscienza quando succederà e posso dire onestamente che non temo più la morte”.

Non vuoi mai andartene

“Non so cosa ho provato mentre ero morto, ma quando mi sono risvegliato (per così dire) ricordo di aver avuto la sensazione di volerlo sperimentare in modo permanente”, ha detto PlanetaryGenocide.

“Una mia amica ha descritto la morte (è tecnicamente morta due volte) come circondata dall’oscurità, fluttuante con una sorta di sostanza gelatinosa calda che la copriva. Non ha mai voluto lasciare questo stato”, ha scritto KKAPetring.

L’esperienza fuori dal corpo

“Ho visto mio nonno. Abbiamo parlato per un po’ e lui ha detto che potevo andare con lui o tornare indietro. Ho guardato in basso e mi sono visto in quel letto d’ospedale con mio fratello che mi teneva la mano”, scrive .

“Non l’ho mai visto piangere in quel modo prima. Sono tornato nel mio corpo e ho sentito più dolore di quanto avessi mai sentito nella mia vita. Sono stato un anno di recupero e ho perso gran parte della mia memoria, ma sono felice”.

Harry, sei tu?

“Di solito non condivido questa esperienza, ma ho avuto quattro interventi al cuore, e nel mio primo e terzo mi è successo di morire e poi tornare in vita”, afferma silverstars1.

“Bisogna essere svegli in questi inteventi, per far reagire il cuore in modo giusto. La prima volta era solo il nulla. Nero. Proprio niente. Non riesco nemmeno a spiegare per quanto tempo è sembrato il nulla. E poi mi ricordo di essermi svegliato con i medici che mi hanno detto che mi avevano perso per un secondo”, ha aggiunto.

“La seconda volta è difficile da condividere”, aggiunge. “Mi trovavo in metropolitana, ma tutto era bianco. La metropolitana, le pareti del tunnel che stavo attraversando. Non avevo un corpo, mi sembrava di essere la metropolitana stessa a volte e altre era come se stessi guardando fuori da un finestrino il muro del tunnel”.

“Si fermò ed era di nuovo solo il nulla nero. Poi ho sentito una voce di un uomo molto più anziano.
Ha detto ‘Sei pronto per andare?’ E non avevo proprio niente. Come se non sapessi come parlare. ‘Andiamo, ora se sei pronto..”.

“Qualcosa dentro di me sembrava così pronto per andare. Come se fossi una calamita per lui, questa destinazione sconosciuta nel nulla nero davanti a noi. Ricordo che finalmente ho detto ‘ok’. Ha detto un’altra volta l’uomo ma con un tono leggermente diverso: ‘Partiremo qui. Sei pronto per andare?’.

Alla fine qualcosa in me è scattato, e ricordo che avevo una vita e persone che mi sarei lasciato alle spalle. E il mio primo pensiero fu ‘Non posso lasciare la mia ragazza. Non potrei farlo. E mia madre e mio padre. I miei cuccioli. Non posso lasciare nessuno di loro. La mia famiglia, i miei amici”.

“E ho preso una decisione: non posso lasciare. Non ho nemmeno dovuto dirlo. Una volta ho deciso che non potevo andarmene, a quel punto mi sono svegliata e ho trovato il team medico intorno a me”, ha concluso silverstars13.