Me
Bimbo di tre anni trovato morto nell’asciugatrice, per il padre “un tragico incidente”
Condividi su:
bambino morto asciugatrice
Il piccolo di tre anni è stato ritrovato senza vita dal padre. Credit: Getty

Bimbo di tre anni trovato morto nell’asciugatrice, per il padre “un tragico incidente”

Gli inquirenti di Virginia Beach non sono convinti della versione del papà del bambino e hanno aperto un'inchiesta

24 Ago. 2018
bambino morto asciugatrice
Il piccolo di tre anni è stato ritrovato senza vita dal padre. Credit: Getty

Un bambino è stato ritrovato morto nell’asciugatrice di casa. Per il padre si è trattato di un “tragico incidente”, ma gli inquirenti vogliono vederci chiaro. È stato poprio il padre a ritrovare il corpo senza vita del piccolo, a Virginia Beach.

Brantley Lloyd è stato ritrovato proprio dal padre, Chet, nel pomeriggio dello scorso 7 agosto. Il giorno dopo del suo terzo compleanno.

La versione di Chet, però, è ora al vaglio della polizia di Virginia Beach che ha deciso di aprire un’inchiesta, piuttosto che archiviare il caso come incidente.

Intanto Chet è stato allontanato da casa sua, per fare in modo che la polizia riesca a portare avanti le indagini e a fare tutti i rilievi necessari.

Il padre del bambino, separato dalla moglie Amanda Ray, ha raccontato che per il compleanno del piccolo Brantley “lo avevo portato fuori a mangiare una pizza e poi eravamo tornati a casa mia, ma quel giorno Brantley era strano, faceva i capricci in continuazione”

“Era talmente agitato – ha continuato ancora – che abbiamo passato quasi tutta la notte in bianco: non si calmava mai, ha pianto per ore e ci siamo addormentati dopo le cinque del mattino”.

Poi il momento del ritrovamento del corpicino del figlio: “Il giorno dopo mi sono svegliato nel pomeriggio, poco prima delle 17, ma lui non era accanto a me: l’ho trovato nell’asciugatrice della biancheria, era caldissimo, coperto di sudore e non dava segni di vita, non respirava. Ho chiamato subito il 911 e subito dopo Amanda”.

Come si legge su Abc, per il piccolo, però, non c’era più nulla da fare. Quando l’ex moglie di Chet è arrivata sul posto ha visto medici e polizia: “Tutto questo non ha senso. Non riesco a capire come mio figlio sia potuto finire nell’asciugatrice. Non riesco a capire come possa essere morto”, ha detto Amanda.

Sarà l’autopsia a fare chiarezza sulle cause della morte del piccolo di tre anni. Per ora non si sa nulla, nemmeno l’ora in cui sarebbe avvenuto il decesso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus