Me

Arabia Saudita, un uomo è stato condannato a morte e crocifisso

L'uomo, un cittadino della Birmania, era accusato di furto e omicidio: nel regno saudita il ricorso alla crocifissione è molto raro e l'ultimo caso risaliva al 2010

Immagine di copertina

In Arabia Saudita un cittadino della Birmania accusato di furto e omicidio è stato giustiziato e crocefisso nella città santa de La Mecca, secondo quanto riferito dai media locali.

Si tratta di una forma di condanna riservata a chi commette crimini particolarmente efferati.

L’uomo, Elias Abulkalaam Jamaleddeen, aveva fatto irruzione in casa di una donna birmana con l’intento di rapinarla, le aveva sparato per poi accoltellarla a morte.

Sul cittadino birmano pendevano anche le accuse di furto d’armi e di munizioni, tentato omicidio nei confronti di un uomo e tentato stupro ai danni di una donna.

La Corte suprema dell’Arabia Saudita aveva confermato la condanna inflitta a Elias Abulkalaam Jamaleddeen, con il pieno appoggio del re Salman.

Il ricorso alla pena di morte non è una novità nel paese saudita, ma raramente si ricorre alla crocifissione.

Un caso simile si era avuto nel 2010, quando un cittadino dello Yemen era stato condannato a morte e in seguito crocifisso dopo essere stato accusato di aver stuprato e ucciso una ragazza e di averne ucciso anche il padre.

Negli ultimi giorni si è tornato a parlare di Arabia Saudita a causa dello scontro diplomatico tra il paese saudita e il Canada.

Il governo saudita infatti ha espulso il 6 agosto 2018 l’ambasciatore canadese a Riad e ha annunciato la sospensione delle relazioni commerciali con il paese nordamericano.

La decisione sarebbe una risposta alle numerose critiche di Ottawa sulla repressione dei diritti umani nel regno saudita, che aveva lanciato un appello per la liberazione di “tutti gli attivisti che difendono pacificamente i diritti dell’uomo”.

Il riferimento era a Samar Badaoui, una militante per l’uguaglianza tra i generi, arrestata insieme alla collega Nassima al-Sadah alcuni giorni prima.

L’Arabia Saudita sta attraversando un periodo di importanti riforme sociali promosse dal principe ereditario Mohammed bin Salman, il cui intento è cercare di modernizzare il Regno saudita, uno fra i Paesi islamici più conservatori e rigidi ancora esistenti al mondo.

Nonostante le aperture della monarchia, i diritti umani non sono ancora completamente rispettati in Arabia Saudita e gli attivisti continuano a pagare con il carcere il loro impegno politico.