Me
Tre giornalisti investigativi russi sono stati uccisi nella Repubblica Centraficana
Condividi su:
giornalisti russi uccisi africa

Tre giornalisti investigativi russi sono stati uccisi nella Repubblica Centraficana

I reporter si trovavano in Africa per indagare i rapporti tra il Cremlino e una società di sicurezza privata coinvolta nella guerra in Ucraina e in Siria

01 Ago. 2018
giornalisti russi uccisi africa

Tre giornalisti russi che indagano sulle attività di una società di sicurezza privata collegato segretamente al Cremlino sono stati uccisi nella Repubblica Centrafricana, secondo quanto riferito dalle autorità russe.

Il ministero degli Esteri ha dichiarato che i tre uomini sono stati identificati grazie alle  loro carte d’identità. Si tratta di Orkhan Dzhemal, Aleksandr Rastorguev e Kirill Radchenko.

Gli investigatori russi hanno dichiarato di aver aperto un’indagine per accertare la causa delle morti.

I giornalisti si trovavano nella Repubblica Centrafricana per un documentario sulle attività poco chiare di un gruppo di mercenari paramilitari nella Repubblica Centrafricana, in cui è in corso un violento conflitto settario.

Al momento non è chiaro se ci siano dei legami tra il progetto a cui i tre giornalisti stavano lavorando e il loro omicidio.

Gli assalitori, inoltre, non sono ancora stati identificati.

Henri Depele, il sindaco della città di Sibut, nella prefettura della Repubblica Centrafricana,intervistato dall’agenzia di stampa Reuters, ha dichiarato che i giornalisti sono stati uccisi in un’imboscata.

L’autista dei giornalisti, unico sopravvissuto all’attacco, ha raccontato che lui e i tre giornalisti sono stati attaccati nei pressi della città di Sibut.

Secondo la testimonianza fornita dall’autista, “alcuni uomini armati sono emersi dalla boscaglia che costeggia la strada e hanno aperto il fuoco sul veicolo “.

“I tre giornalisti sono morti all’istante”.

La compagnia di sicurezza su cui i giornalisti stavano indagando è nota come Wagner Group ed è sospettata di avere dei contatti con il Cremlino.

Il governo russo avrebbe assoldato la compagnia per svolgere delle operazioni militari segrete in Ucraina e in Siria, dove avrebbe protetto i pozzi petroliferi e altre strutture strategiche.

I contatti tra il gruppo e la Russia non sono mai stati confermati, ma si sa che i suoi mercenari sono stati addestrati nelle strutture del ministero della Difesa russo.

I giornalisti erano finanziati dalla Investigation Control Center, un’organizzazione russa di notizie online finanziata da Mikhail B. Khodorkovsky, un magnate del petrolio che ora vive in esilio.

Anastasia Gorshkova, vice redattrice dell’agenzia, ha dichiarato che i giornalisti hanno cercato di entrare in una proprietà in cui si trovavano i membri della compagnia di sicurezza su cui stavano indagando, ma è stato loro detto che non potevano accedere senza l’accreditamento dal ministero della Difesa.

In seguito, i giornalisti hanno cercato di incontrare un uomo che potesse metterli in contatto con i mercenari in un’altra zona del paese a cui dovevano arrivare attraverso una strada che passa per la città di  Sibut, dove sono stati uccisi.

A marzo, il ministero degli Esteri russo aveva reso noto che Mosca aveva deciso  dichiarato di fornire alla Repubblica Centrafricana “assistenza tecnica militare gratuita”, dietro richiesta del governo locale.

La Russia ha inviato 5 istruttori militari e 170 consulenti per addestrare membri dell’esercito nazionale, ha specificato il ministero.

Il giornalista Dzhemal, 51 anni, ha coperto diversi conflitti in tutto il mondo ed è stato gravemente ferito in Libia nel 2011. Nel 2008, ha pubblicato un libro: un resoconto della guerra di cinque giorni tra Russia e Georgia a cui lui stesso aveva preso parte.

Il collega Rastorguev, di 47 anni, era un importante regista russo. Nel 2013 era stato premiato per un film sui leader dell’opposizione russa.

Radchenko, 33 anni, era un cameraman. A marzo aveva lavorato come osservatore durante le elezioni tenutesi in Cecenia.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus