Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Francia, ragazza italiana condannata a 6 mesi di carcere per aver aiutato 8 migranti ad attraversare il confine

Francesca Peirotti, nel 2016, aveva condotto 8 richiedenti asilo di Eritrea e Ciad da Ventimiglia a Mentone a bordo di un furgone

Immagine di copertina
Francesca Peirotti

Una ragazza italiana di 31 anni, Francesca Peirotti, è stata condannata a 6 mesi di carcere (sospesi con la condizionale) da un tribunale francese, nello specifico quello di Aix-en-Provence.

L’animatrice socio-culturale, molto attiva sul tema dei migranti, è stata riconosciuta colpevole di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in territorio francese.

I fatti risalgono al novembre del 2016, quando Peirotti, originaria di Cuneo ma residente a Marsiglia, tentò di portare (illegalmente secondo l’accusa) otto richiedenti asilo da Ventimiglia oltre il confine francese di Mentone.

I migranti erano originari dell’Eritrea e del Ciad, e tra loro c’era anche un neonato. Il trasporto avvenne su un furgone con il logo della Croce Rossa, e la ragazza venne fermata dalla polizia francese sull’autostrada all’altezza di Mentone.

In primo grado la condanna era stata molto più lieve: una multa di mille euro. Stavolta, però, il giudice della corte di Appello di Aix-en-Provence è stato molto più severo, irrogando una pena di sei mesi di carcere con sospensione condizionale.

Peirotti e il suo avvocato hanno già comunicato di voler far ricorso in Cassazione.

“Una brutta notizia, ma io sto bene – ha detto Francesca al portale targatocn.it – Già non avevo accettato la multa, in primo grado, di 1000 euro, e ovviamente non posso accettare questa seconda sentenza. Il mio avvocato mi ha già detto che arriveremo alla Corte di Giustizia Europea. Non ci fermiamo: la solidarietà non può essere un reato”.

Se la condanna venisse confermata, la ragazza potrebbe ricevere anche il divieto di residenza nell’area di Marsiglia per i prossimi cinque anni.

Francesca Peirotti è originaria di una frazione di Cuneo, Madonna dell’Olmo, ha una laurea e un master in economia.