Me

Le ripercussioni fisiche e psicologiche dei ragazzi rimasti intrappolati nella grotta

La squadra si era addentrata nella cava il 23 giugno, restare intrappolati sottoterra per sedici giorni è un trauma importante che avrà delle ripercussioni sulla salute dei ragazzi

Immagine di copertina
Le operazioni di salvataggio dei ragazzi proseguono

Dei 12 ragazzi intrappolati da 16 giorni nella grotta di Tham Luang, in Thailandia, finora ne sono stati salvati quattro.

Le operazioni di soccorso per portare in salvo gli altri otto, più l’allenatore che uscirà per ultimo, sono riprese da poco. Qui tutti gli aggiornamenti sulla missione di soccorso.

I bambini salvati si trovano ancora in isolamento e i genitori non sanno ancora quali dei ragazzi sono stati salvati. I ragazzi della squadra di calcio hanno dagli 11 a 15 anni e il loro allenatore 25.

Le condizioni dei ragazzi, dopo essere rimasti intrappolati nella grotta per 16 giorni, sono delicate, e le ripercussioni dopo un trauma di questo tipo sono inevitabili.

La morte del sub che doveva rifornire di ossigeno i ragazzi per portarli in salvo ha mostrato quanto pericolosa possa essere la situazione.

Il sottufficiale Saman Gunan ha perso conoscenza mentre usciva dal complesso di grotte di Tham Luang, dove stava trasportando i serbatoi d’aria.

Lo stress psicologico di ritrovarsi inizialmente persi e la successiva incertezza sulle possibilità di salvataggio è un grosso trauma secondo il dottore Andrea Danese, a capo dello Stress and Development Lab di South London e Maudsley NHS Fondazione Trust.

“I ragazzi potrebbero diventare paurosi, appiccicosi e nervosi”, ha dichiarato. “Probabilmente vivranno in uno stato di costante paura; diventeranno molto lunatici o facilmente irritabili o, al contrario, potrebbero sviluppare un atteggiamento distaccato o insensibile”.

Mentre la maggior parte di queste ripercussioni psicologiche sarà temporanea e alleviata entro poche settimane dal salvataggio, il dott. Danese avverte che in alcuni bambini l’esperienza traumatica potrebbe avere un effetto duraturo.

“Possiamo aspettarci che un numero considerevole di ragazzi, dal 10 al 20 per cento, svilupperà problemi di salute mentale più duraturi legati al trauma, come il disturbo da stress post-traumatico, la depressione, o problemi comportamentali”, ha aggiunto.

Anche se i soccorritori li stanno rifornendo di cibo e acqua, potrebbero esserci conseguenze anche sulla salute fisica.

Le riserve di ossigeno nella caverna in cui si trova il gruppo stanno diminuendo. Per questo motivo una delle soluzioni pensate per il loro salvataggio era quella di aspettare la fine della stagione delle piogge, e quindi attendere che l’acqua nelle sezioni allagate del tunnel si abbassasse, per portare in salvo i bambini.

“La mancanza della luce in tutto questo periodo di tempo può avere degli effetti non solo di disorientamento, ma anche su molte delle loro funzioni fisiologiche di base, che dipendono dai ritmi circadiani e che verranno alterate”, ha dichiarato Sarb Johal, professore associato al Joint Center for Disaster presso la Massey University in Nuova Zelanda.

Questi ritmi circadiani regolano il nostro corpo, che sarà quindi in grado di svegliarsi e capire quando ha bisogno di dormire.

Negli esseri umani che si sono volontariamente isolati in grotte e senza stimoli esterni è stato notato che il ritmo circadiano sonno-veglia tende progressivamente ad allungarsi, sino ad arrivare a “giornate” di 36 ore. Fondamentale come regolatore dell’orologio interno appare quindi il ruolo della luce solare.

Il ritmo cicardiano gioca anche un ruolo in altri processi corporei, compresi i livelli degli ormoni che possono influenzare lo stress, cambiando la temperatura corporea e influenzando la digestione del cibo.

Un altra conseguenza di questo trauma nella grotta potrebbe essere l’infezione. “La rimozione e lo smaltimento sicuri delle feci è importante per il controllo delle infezioni nell’ambiente molto chiuso in cui si trovano”. Inoltre, se il sistema immunitario dei ragazzi è stato logorato dalla mancanza di cibo e sonno, ha aggiunto il dott. Johal, il rischio di infezioni aumenta.