Me
Un uomo è morto dopo essere stato schiacciato dalla bara della madre | VIDEO
Condividi su:
morto schiacciato bara
Il momento del crollo della bara

Un uomo è morto dopo essere stato schiacciato dalla bara della madre | VIDEO

19 Giu. 2018
morto schiacciato bara
Il momento del crollo della bara

Ucciso dalla bara della madre. Venerdì scorso un uomo di 40 anni è stato il protagonista di una tragica fatalità: è stato schiacciato dal feretro scivolato mentre stava per essere posto in cima ad una torre funeraria nell’isola di Sulawesi, isola indonesiana ad est del Borneo.

Le persone addette allo spostamento della bara della donna hanno perso l’equilibrio mentre salivano su una scala in bambù che avrebbe condotto ad una torre sulla quale ogni feretro con un defunto viene messo prima di svolgere i tradizionali riti previsti nella valle di Parinding, nel distretto in cui vivono i Toraja.

Il tutto è stato ripreso da un telefonino. Le immagini hanno poi fatto il giro del web.

Secondo quanto riporta il giornale online ‘Khaleej Times’, l’uomo – rimasto gravemente ferito a causa della caduta della bara – è stato immediatamente soccorso e portato in ospedale dove però è deceduto poco dopo essere arrivato.

Una tragedia sull’isola indonesiana che segue quella di qualche giorno fa che ha visto una donna essere attacca, uccisa e divorata da un pitone.

Secondo quanto riferito dal sito web di notizie Detik.com, gli abitanti dei villaggi e le autorità hanno trovato il grosso rettile mentre cercavano la 54enne, identificata come Wa Tiba.

Una volta trovati degli oggetti della donna nei pressi del serpente, visibilmente reduce da un pasto, hanno sospettato che potesse averla inghiottita.

Ipotesi purtroppo confermata quando “gli abitanti hanno portato il pitone nel villaggio e l’hanno ucciso e tagliato, trovando il corpo della donna intatto all’interno”, ha detto il capo della polizia locale Agus Ramos.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus