Me
È morto all’età di 88 anni il chitarrista Matt Murphy
Condividi su:
Matt Murphy morto

È morto all’età di 88 anni il chitarrista Matt Murphy

Il ruolo che lo consacrò di fronte al grande pubblico fu quello del musicista-cuoco e marito di Aretha Franklin nel film The Blues Brothers

19 Giu. 2018
Matt Murphy morto

Matt ‘Guitar’ Murphy, chitarrista divenuto famoso per il duetto con Aretha Franklin nella tavola calda Soul food nel film culto The Blues Brothers, è morto il 15 giugno 2018 all’età di 88 anni.

A darne notizia è stato il nipote, Floyd Murphy Jr., anche lui chitarrista.


Nato in Mississipi ma trasferitosi con la famiglia in Tennessee dove ha iniziato a suonare la chitarra, Murphy è stato un importante protagonista della scena blues degli anni Quaranta e Cinquanta.

La sua grande passione per la musica lo ha portato a trasferirsi a Chicago all’età di 19 anni.

In quel periodo Murphy entrò a far parte della sua prima band, creata da Chester Arthur Burnett, alias Howlin’ Wolf.

Nella corso della sua lunga carriera ha suonato con grandi musicisti del calibro di Ike Turner, Etta James, James Cotton, Willie Dixon e Sonny Boy Williamson.

Ma il ruolo che lo consacrò di fronte al grande pubblico fu certamente quello del musicista-cuoco e marito di Aretha Franklin nel film The Blues Brothers.

Proprio con Aretha Franklin è stato protagonista della scena cult sulle note di Think.

Secondo Rolling Stone, Murphy è stato scoperto da Dan Ackroyd e John Belushi in un club di New York nel 1978.

Sentendolo suonare decisero di scritturarlo per l’album Briefcase Full of Blues e due anni dopo per il film e la colonna sonora.

Il musicista riprese il ruolo anche nel sequel Blues Brothers 2000 sempre accanto a Aretha Franklin.

Ecco il video della scena cult con Aretha Franklin e Matt ‘Guitar’ Murphy nel film The Blues Brothers:

Leggi anche: Quando Carrie Fisher ascoltava le scuse di John Belushi in The Blues Brothers

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus