Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quando Carrie Fisher ascoltava le scuse di John Belushi in The Blues Brothers

Immagine di copertina

L'attrice scomparsa oggi è sicuramente ricordata soprattutto per la sua interpretazione della principessa Leila, ma recitò anche nel cult movie musicale di John Landis

Carrie Fisher, l’attrice celebre per aver interpretato la principessa Leila nella saga di Guerre stellari, è scomparsa oggi 27 dicembre a Los Angeles all’età di 60 anni per le conseguenze di un infarto avuto il 23 dicembre scorso mentre era su un volo da Londra a Los Angeles.

Fisher era diventata una star internazionale nel 1977, quando il primo film della saga di Guerre stellari, diretto da George Lucas, aveva battuto a sorpresa ogni record al botteghino, diventando il film con i maggiori incassi di ogni epoca.

A quel primo film erano seguiti L’impero colpisce ancora, nel 1980, e Il ritorno dello Jedi, nel 1983, che avevano cementato la sua fama e l’avevano resa per sempre legata al ruolo della principessa Leila Organa (Leia in originale), diventata col tempo una vera e propria icona della fantascienza e del cinema in generale.

Nella carriera di Fisher ci sono stati però anche altri film, seppure in ruoli non necessariamente memorabili: uno in cui però l’attrice lasciò il segno, comparendo almeno in una scena da consegnare ai posteri, fu The Blues Brothers di John Landis, uscito nel 1980.

Nel film, l’attrice statunitense impersonava per buona parte della pellicola una donna taciturna e sconosciuta, che però ripetutamente cercava di assassinare con i metodi più svariati i due fratelli protagonisti della storia, Jake e Elwood, interpretati rispettivamente da John Belushi e Dan Aykroyd.

Infine, quando il film era già avviato verso la sua parte finale, Fisher compariva un’ultima volta e in quest’occasione raccontava la sua storia, rivelando agli spettatori di essere stata la fidanzata di Jake (Belushi) e di essere stata piantata in asso sull’altare nonostante gli enormi preparativi e il suo grandissimo amore per lui. La naturale conseguenza di quell’affronto, come spiegava ai due fratelli con un mitra in mano, era vendicarsi uccidendo entrambi.

A quel punto Belushi, per evitare l’esecuzione, si lanciava in una delle sue tirate comiche più celebri, inanellando una serie di scuse per la mancata partecipazione al matrimonio che si ingigantiscono a ogni frase, passando dall'”ero rimasto senza benzina” a “una tremenda inondazione”, il tutto per confermare “non è stata colpa mia!”.

Il finale della scena – una delle più divertenti di tutto il film – è in questo video:

(Credit: sonapipian/YouTube)


Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa